Sanremo 2016: la conferenza della quarta serata

Ecco le informazioni fondamentali per capire cosa accadrà il 12 febbraio

Foto: Virginia Raffaele e Carlo Conti  - Credit: © ANSA

12 Febbraio 2016 | 12:05 di Alessandro Alicandri

Comincia a mezzogiorno e venti come al solito, la conferenza stampa di Sanremo. Ecco i contenuti dell'incontro del 12 febbraio con Carlo Conti. Si parlerà oggi (in coda alla conferenza) anche dei problemi tecnici di voto che ieri ci sono stati (e poi si sono risolti) per la votazione dei giovani Miele e Francesco Gabbani.

Giancarlo Leone ha snocciolato i dati Auditel della terza serata delle cover. Trovate un quadro completo sul nostro sito. Il primo picco d'ascolti è arrivato alle 21.46 con la prima apparizione di Virginia Raffaele nei panni di Donatella Versace, il secondo picco, quello più alto della serata, è stato durante l'esibizione comica di Pino e gli Anticorpi. 

Stasera vedremo le 20 esibizioni e si vedranno i 15 finalisti e i 5 che rischiano il televoto. Solo sabato sera scopriremo chi è stato ripescato e quali sono i quattro eliminati. Domani serata sarà ospite: Roberto Bolle, Cristina D'Avena, Renato Zero, Willy William e Ego. Sempre domani vedremo in onda Beppe Fiorello e Guglielmo Scilla. 

Gli interventi di Virginia Raffaele nei panni di Donatella Versace sono stati più corti. Il personaggio (tra l'altro) era di situazione e meno di parola, quindi c'era più da vedere (con le deformazioni del trucco) e meno da ascoltare. Per questo motivo è stata inserita in una delle serate più ricche del Festival. 

Carlo Conti e Virginia Raffaele hanno ricevuto una chiamata da Carla Fracci per complimentarsi per l'imitazione. Ha citato Chaplin: "Uno non è famoso finché non viene imitato". Anche Donatella Versace non si è offesa, anzi, ha detto su Facebook se Virginia si può offrire come controfigura.

Gabriel Garko ha detto: "Io cerco di muovermi sul palco di Sanremo con spontaneità. Se non lo facessi sarei uno stupido. Avevo pensato di muovermi sul palco nei panni di un personaggio, ma è davvero difficile mantenere quel personaggio per 4 ore in diretta. Poi ho pensato che non avrebbe avuto senso".

Carlo Conti ci tiene a sottolineare la differenza tra chi conduce e chi è a "contorno" del conduttore, ognuno con i suoi ruoli. «Rispettiamo i ruoli, come si fa nella commedia. Abbiamo deciso di far introdurre gli artisti spesso anche a Virginia nelle sue imitazioni». 

Ieri c'è stata una forte anomalia in sala stampa. Il voto della sala stampa è stato viziato da un problema tecnico che non ha permesso di avere il voto di oltre 80% dei giornalisti, cifra necessario per renderlo valido. La polizia postale sta indagando per capire il motivo per cui questo non è successo. La sottorappresentazione ha influito sull'esito finale. 

Su 125 voti medi, nel corso di quella votazione di voti registrati sono stati solo 25. Quel numero esiguo di voti ha portato alla ripetizione del voto. La cantante Miele ha chiesto di essere inserita di nuovo in gara nella finale. Carlo Conti ha chiesto di farla cantare di nuovo nella finale dei giovani oggi e scopriremo stasera cosa accadrà.