Home MusicaSanremo«Sanremo Giovani 2018»: ecco perché Mahmood ha vinto

«Sanremo Giovani 2018»: ecco perché Mahmood ha vinto

Il giovane artista passato da X Factor è arrivato al Festival 2019. La sua canzone è «Gioventù bruciata»

Foto: Mahmood vince «Sanremo Giovani 2018»

22 Dicembre 2018 | 00:32 di Alessandro Alicandri

Prima della proclamazione Mahmood parlava sul palco con la sua amica Nyvinne del viaggio in giro per il mondo che avrebbero fatto assieme come premio. Era certo che avrebbe trionfato chiunque, chiunque tranne lui. «Di nuovo a Sanremo dopo il 2016? Non mi sembra possibile» sembrava pensare. Quando Rovazzi ha detto il suo nome, lui ha arricciato il naso in una smorfia, quella che si fa quando pensi che sia tutto uno scherzo.


In un Sanremo Giovani 2018 di espansivi comunicatori e persone spigliatissime è emerso il più introverso di tutti. Alessandro Mahmoud ha infatti un solo modo per dire quello che ha dentro: scrivere canzoni e cantarle. «Gioventù bruciata» è lo strumento di comunicazione usato questa volta, un pezzo bello da sentire inciso per Spotify e ancora più bello da ascoltare dal vivo.

Il linguaggio di questo giovane artista, così ricco di dettagli da farti girare la testa, fa capo a un lessico originalissimo (cantare la parola Pokémon senza che sia una sigla tv, è da geni e temerari) che ha colpito pubblico da casa, giuria di esperti e critica musicale. 

Lui, senza grandi proclamazioni per le tante canzoni scritte negli ultimi tempi per amati artisti italiani (facciamo l'esempio degli esempi, Marco Mengoni) è arrivato a un traguardo che pensava essere ben oltre le sue aspettative. 

L'artista con uno dei percorsi più brevi in assoluto a X Factor (nel 2012 è rimasto fino alla terza puntata entrando però nella seconda) ha lavorato al fianco di Simona Ventura e in una manciata di esibizioni, ha lasciato il segno.

Criticato ai tempi per la sua somiglianza (nel modo di cantare) a Marco Mengoni (il destino come sempre fa sempre dei giri strani e lunghissimi) ha dimostrato di avere un'identità originalissima. Se non lo conoscete, ascoltate «Luna» e in «Anni 90» in collaborazione con Fabri Fibra: siamo certi vi conquisterà.

È uscito tra l'altro da pochissimo l'Ep «Gioventù bruciata» con all'interno 6 brani uno più bello dell'altro. Non sarà facile per Mahmood stare nei panni del Campione. Ha tantissimi fan sui social network ma finora è rimasto in una sorta di penombra che si coordinava bene con la sua identità musicale e stilistica. 

Oggi è il momento di non camminare più furtivi, ma di fare un salto in alto verso la grande popolarità. Il talento, la voglia di riuscire e i contenuti ci sono. È ora che il mondo sappia chi è Mahmood.