Valerio Scanu: «Nonostante le difficoltà, non ho mai temuto l’oblio»

Questa sera si esibirà con "Finalmente piove", un brano scritto per lui da Fabrizio Moro. Da venerdì il suo nuovo album

10 Febbraio 2016 | 15:33 di Antonella Silvestri

«Questo mio ritorno a Sanremo rappresenta un vero e proprio riscatto. Desideravo tornare al Festival da tanto tempo e sono felice che sia accaduto proprio quest'anno che ho un bel brano scritto da Fabrizio Moro». Con queste parole cariche d'entusiasmo, Valerio Scanu racconta il suo ritorno nella città dei fiori, a sei anni dalla vittoria con "Per tutte le volte che...".

A poche ore dal ritorno sul palco dell'Ariston con "Finalmente piove", il cantante di origini sarde lanciato dal talent-show Amici di Maria De Filippi, ammette con la schiettezza e la spontaneità che lo contraddistinguono di non rinnegare le sue recenti avventure televisive come L'Isola dei Famosi e Tale e quale show, programmi che, al contrario, hanno contribuito a dare nuova linfa alla sua carriera: «Le critiche, ultimamente, sono diminuite. Grazie a Tale e quale show in tanti, su internet, fanno il tifo per me, perché in TV è venuto fuori un mio lato umano ben diverso da quelli emersi in passato».

Venerdì prossimo uscirà il suo nuovo album, intitolato come il pezzo sanremese: «In questo disco ci saranno tredici brani nei quali credo fortemente perchè mi rappresentano totalmente. Sono felice che il disco esca con l'etichetta indipendente che ho fondato. All'inizio non è stato semplice, questo mio percorso da indipendente, ma poi le soddisfazioni non sono mancate. Spero che questa mia partecipazione a Sanremo, che rappresenta una bella vetrina, mi aiuti».

Dopo l'uscita dell'album è previsto anche un tour che partirà il prossimo 24 aprile dall'Auditorium Parco della Conciliazione di Roma. «Nonostante le difficoltà, non ho mai temuto l'oblio» dichiara, infine, Valerio, prendendo le distanze da ogni eventuale pronostico su stasera. «Tutto può succedere, Sanremo è imprevedibile».