Home MusicaVideoclipLucia Manca, in anteprima il video di «Bar Stazione»

Lucia Manca, in anteprima il video di «Bar Stazione»

Luci al neon, sonorità anni '80, intenzione vocale à la Loredana Bertè. Il secondo singolo estratto da «Maledetto e Benedetto»

19 Marzo 2018 | 11:00

Lucia Manca, in anteprima il video di «Bar Stazione»

Luci al neon, sonorità anni '80, intenzione vocale à la Loredana Bertè. Il secondo singolo estratto da «Maledetto e Benedetto»

 di Valentina Cesarini

19 Marzo 2018 | 11:00 di Valentina Cesarini

Lucia Manca esce oggi con il singolo Bar Stazione, accompagnato da un video fatto di neon lampeggianti in pieno stile rétro anni '80. La clip porta la firma di Gloria Ciceri per l'animazione e di Martina Bliss per la grafica. «Mi sono ispirata a posti realmente esistenti nel mio paese di infanzia», racconta Martina Bliss. «Le insegne non esistono nella realtà, ma i luoghi indicati sì e sono rimasti pressappoco invariati dagli anni ’80. Quando Gloria mi ha proposto di creare una città inventata mi sono subito venuti in mente quei posti, perché le sonorità di Lucia mi riportano alla mente ricordi felici: una nostalgia piacevole».

Il singolo, una ballatona nella cui voce dell'artista si riscopre un po' di Loredana Bertè, dopo «Maledetto» è il secondo estratto dal suo nuovo album «Maledetto e Benedetto», che uscirà il 4 maggio per Malinka Sound/Peermusic.

Segui Lucia Manca su Spotify



Incursioni elettroniche

Lucia Manca, salentina che ha esordito nel 2011 con un album prodotto da Giuliano Dottori (Amor Fou), non è nuova alle sonorità elettroniche: negli anni ha collaborato con alcuni noti producer italiani come Populous, Indian Wells, Flowers Or Razorwire ed è stata la voce di «Hotel Riviera» di Jolly Mare. Oggi ci racconta con malinconia che «Con il passare del tempo ogni concreta distanza porta alla separazione o all'incontro tra due persone. I luoghi e i posti vissuti rimangono solo un lontano e nostalgico ricordo», e in questo ricordo Bar Stazione occupa il posto centrale. Del resto, chi non subisce il potere evocativo di un luogo in cui prima o poi occorre salutare qualcuno che se ne va, o riabbracciare qualcuno che ritorna?