Home TvCuccarini e Parisi: ragazze, venite a fare pace a Sorrisi?

Cuccarini e Parisi: ragazze, venite a fare pace a Sorrisi?

Non c’è tregua nella lite tra le due. Ma noi abbiamo una proposta per Lorella e Heather…

Foto: Lorella Cuccarini e Heather Parisi a "Nemicamatissima"

15 Marzo 2019 | 17:36 di Giusy Cascio

Heather non aspetta altro che Lorella parli per coglierla in fallo e sottolineare i suoi errori sui social network. E Lorella non conta fino a dieci per rispondere alle frecciatine di Heather. Un grande classico: è sempre così che si innesca la spirale del duello Parisi-Cuccarini. Un botta e risposta tra showgirl che oggi trova sfogo su Internet, ma che affonda le radici in una rivalità che dura da oltre trent’anni. Ed è da quel dì che ci appassioniamo ai battibecchi delle due signore, mamme entrambe, professioniste popolarissime. Ma con visioni del mondo opposte.

Dopo la gaffe il diluvio

L’ultima scintilla che ha fatto detonare la lite a distanza (perché Heather vive a Hong Kong, mentre “la più amata dagli italiani”, cioè la Cuccarini, secondo la fama che le attribuì un celebre spot, risiede sul suolo natìo), è stata una gaffe di Lorella a “Otto e mezzo”, da Lilli Gruber: «Noi non votavamo veramente per le Politiche da dieci, nove anni» ha dichiarato. Mentre di norma per la Camera e il Senato si vota ogni cinque anni (lo dice l’articolo 60 della Costituzione). Heather ha colto la palla al balzo per commentare su Twitter: «E così dopo la ballerina sovranista, la ballerina “Maître à pensere”. In verità sempre più Maître e sempre meno pensere». Tralasciando il “sovranista” che citava un tweet precedente sganciato dalla bomba H* (così si firma Heather online) dove si accusava la “Cucca” (così si definisce Lorella) di idee politiche ultranazionaliste, bisogna sottolineare che in questa frase delle Parisi c’è un refuso: in francese, infatti, si scrive “penser”, non “pensere”. Chi di Diritto colpisce, di Ortografia perisce...

Ma non è questo che conta. Qui ci si interroga perché due stelle, due donne mature, due simboli della nostra tv abbiano scelto la via dello scontro perenne. Heather accusa Lorella di essere retrograda? Lorella allora dà a Heather dell’evasora fiscale. Non se ne esce, è un cortocircuito. Un altro caso era scoppiato con le fatiche di “NemicAmatissima” (mai nome di programma fu più azzeccato). Le due, anziché celebrare in comunione i successi reciproci, non si presentarono insieme alla conferenza stampa del debutto. «Mai state amiche, quindi nemmeno nemiche» sostenne la Parisi. «Non ho ancora capito se Heather ballerà o no» la punzecchiò la Cuccarini. Conclusa la trasmissione, arrivò il diluvio di improperi: «Bugiarda!» accusò l’americana cresciuta a San Francisco. «Fai pace col cervello!» ribattè l’italiana nata a Roma. Qualche tempo dopo il volo di stracci, le artiste presero strade televisive diverse: Lorella nella fiction “L’isola di Pietro”, Heather nella giuria di “Amici”. 

Una storia infinita

Solo Pippo Baudo, che le ha “inventate” tutte e due, potrebbe svelare l’origine di tale, insanabile, antagonismo. Ma se ne guarda bene, da signore qual è. L’unico indizio che il conduttore ha lasciato al giudizio del pubblico è una frase scritta nella sua autobiografia “Ecco a voi”, uscita nel 2018: «Una partner con cui mi intendevo a meraviglia era Lorella Cuccarini. Afferrava al volo ogni suggerimento. Semmai ho discusso con Heather Parisi, che aveva una personalità forte con cui bisognava fare i conti». Fine. Per il resto soltanto ipotesi. La prima ruggine, che come il primo amore non si scorda mai, potrebbe risalire a “Fantastico 6”, quando Lorella prese il posto di Heather accanto a Pippo, mentre in precedenza era stata una ballerina di fila proprio nel corpo di ballo della Parisi.  O magari si azzuffarono l’anno dopo, nel 1986, dietro le quinte di “Serata d’onore”.  Scaramucce sugli abiti? Sul parrucchiere? Chissà. Probabilmente già allora c’erano di mezzo questioni ideologiche. Heather si mostra più votata al femminismo, alla difesa delle unioni civili. Lorella più tradizionalista, fervida credente. Ognuno di noi ha le proprie convinzioni e, in quest’epoca rissosa e polemica, reagisce se gliele contestano, è vero. Tuttavia nella querelle Cuccarini-Parisi forse c’è dell’altro. Ci piace pensare che Lorella e Heather, in fondo, siano legate dall’affetto, che abbiano bisogno l’una dell’altra. E che siano navigate come le dive di Hollywood che sanno fare del “feud” (la faida) un abile gioco che dà luce  a entrambe le giocatrici. Ricordate Bette Davis contro Joan Crawford, Liz Taylor contro Debbie Reynolds? Si odiavano, ma era parte dello show.

E allora, ragazze! Non c’è bisogno di dirsele di santa ragione via web. È giunto il momento di cessare le ostilità per sempre, come il lieto fine delle favole. Noi di Sorrisi vi invitiamo qui in redazione a fumare il calumet della pace. Se preferite, possiamo renderlo ancora più divertente chiamando un arbitro d’eccezione: Pippo Baudo!