È morta Raffaella Carrà, aveva 78 anni

Ci lascia uno dei più importanti nomi dello spettacolo italiano

5 Luglio 2021 alle 17:09

Nella giornata del 5 luglio 2021, un grave lutto colpisce il mondo dello spettacolo. Alle 16.20 è morta Raffaella Carrà, una delle più grandi icone della musica e della televisione italiana e internazionale. L'annuncio arriva da Sergio Japino, l'uomo con cui ha condiviso vita e carriera. Il 18 giugno aveva compiuto 78 anni.

Ecco le parole di Sergio Japino: «Raffaella ci ha lasciati. È andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre».

Non sono note le cause del decesso, ma l'Ansa riporta ancora le parole di Japino: «Una malattia che da qualche tempo aveva attaccato quel suo corpo così minuto eppure così pieno di straripante energia. Una forza inarrestabile la sua, che l'ha imposta ai vertici dello star system mondiale, una volontà ferrea che fino all'ultimo non l'ha mai abbandonata, facendo si che nulla trapelasse della sua profonda sofferenza. L'ennesimo gesto d'amore verso il suo pubblico e verso coloro che ne hanno condiviso l'affetto, affinché il suo personale calvario non avesse a turbare il luminoso ricordo di lei. Donna fuori dal comune eppure dotata di spiazzante semplicità, non aveva avuto figli ma di figli - diceva sempre lei - ne aveva a migliaia, come i 150mila fatti adottare a distanza grazie ad "Amore", il programma che più di tutti le era rimasto nel cuore. Le esequie saranno definite a breve. Nelle sue ultime disposizioni, Raffaella ha chiesto una semplice bara di legno grezzo e un'urna per contenere le sue ceneri. Nell’ora più triste, sempre unica e inimitabile, come la sua travolgente risata. Ed è così che noi tutti vogliamo ricordarla».

La Carrà ha attraversato oltre 40 anni di carriera rimanendo sempre sulla cresta dell'onda con la sua musica, con la sua capacità di intrattenere, divertire ed emozionare il pubblico, in tv, ma anche e soprattutto con le sue idee. Da sempre Raffaella Carrà, la storia di Sorrisi ne ha testimonianza, ha condiviso in tempi molto più duri di questi, ideali controcorrente e modernissimi di libertà per le donne e per la comunità LGBTQ+.

La sua carriera professionale parte nel 1962, ma la prima popolarità la ottiene dal 1970 con “Io, Agata e tu” e “Canzonissima”. Ed è proprio in quell'anno che esplode il suo successo musicale con “Ma che musica maestro”.

Da lì ha ottenuto successi uno dopo l'altro in grado di conquistare persone di ogni età. Il suo ultimo programma è stato “A raccontare comincia tu”, un talk show ambientato in auto, andato in onda su Raitre nel 2019. In quell'occasione ha chiacchierato con i personaggi più importanti dello spettacolo come Sophia Loren, Maria De Filippi e Renato Zero.

Tra i suoi programmi televisivi più famosi, oltre ai varietà "Canzonissima”, “Milleluci”, “Ma che sera” e “Fantastico” ci sono “Pronto, Raffaella?”, “Carràmba! Che fortuna” e “Carràmba! Che sorpresa” in onda dal 1995 al 2002 su Raiuno.

Lasciò il segno anche nella sua unica conduzione del Festival di Sanremo del 2001 vinto da Elisa - con il brano “Luce (tramonti a nord est)” - insieme a Piero Chiambretti, Enrico Papi, Megan Gale e Massimo Ceccherini.

Seguici