Home TvFabrizio Frizzi ci racconta che «Gli italiani hanno sempre ragione»

Fabrizio Frizzi ci racconta che «Gli italiani hanno sempre ragione»

Video intervista al conduttore in occasione del via del nuovo programma in prima serata: «È una trasmissione innovativa: si potrà giocare in diretta, scaricando un'app sul cellulare»

30 Giugno 2015 | 17:40 di Stefania Zizzari

Tutti i pomeriggi, insieme con Rita Dalla Chiesa, dà consigli su faccende di cuore e sentimento. Ma dal 3 luglio Fabrizio Frizzi approda in prima serata con un programma nuovo di zecca dal titolo «Gli italiani hanno sempre ragione».

Fabrizio, di che si tratta?

«Giocheremo, cercando di indovinare i gusti degli italiani. Avremo tre coppie di personaggi famosi in studio e sei gruppi di ascolto in collegamento da varie parti d’Italia. Io farò delle domande che prevedono 4 risposte e loro dovranno immaginare la risposta preferita dagli italiani. È un esperimento coraggioso per Raiuno».

Come mai?
«Perché il pubblico da casa potrà esprimere le preferenze scaricando l’applicazione gratuita “Gli italiani hanno sempre ragione” e rispondendo in diretta alle mie domande. È un programma interattivo».

Ma questi italiani, come sono?

«Persone per bene. Generose: nonostante la crisi, con Telethon riusciamo sempre a superare il record degli anni precedenti. E poi sono pazienti, grandi lavoratori, con un alto senso del sacrificio. E ...devono avere ragione del destino per forza, per risollevare le sorti di questo Paese».

Proviamo a giocare con lei. Cosa porterebbe su un’isola deserta: i suoi amati dischi dei Beatles, l’ipod, il libro del cuore, i 4 Telegatti che ha vinto?

«Nel mio ipod ci sono già tutti i dischi dei Beatles, risparmio sul peso e mi porto quello. Però i Telegatti li sistemo dove sono sicuro di ritrovarli al mio ritorno!»

Sta leggendo la sua nuova copia di Sorrisi. Qualcuno arriva e gliela ruba. Cosa fa? Gli taglia le mani, gli toglie il saluto, lo ringrazia, lo rincorre e se la fa ridare?

«Lo rincorro e delicatamente “Aho, mollalo!”... me lo riprendo. Anche perché solitamente su Sorrisi si leggono cose ultra aggiornate e hai sempre voglia di divorare la prossima notizia».

Un programma che ha condotto di cui ha nostalgia: «Miss Italia», «Per tutta la vita», «Domenica In» o «Scommettiamo che?»

«Sono grato a tutti ma rifarei “Scommettiamo che?”, è un sempre verde, che opportunamente aggiornato potrebbe funzionare anche oggi».

Le propongono di condurre Sanremo in coppia. Con: Carlo Conti, Antonella Clerici, Maria De Filippi o Milly Carlucci?

«Premesso che il Festival sarebbe meglio non condurlo in coppia per tanti motivi, con Carlo condividiamo “L’eredità” ma è bravissimo da solo e non ha certo bisogno di me. Lo stesso vale con Antonella, anche se con lei una conduzione di coppia sarebbe divertente provarla perché siamo amici e ci faremmo un sacco di risate. Con Milly ho già condotto sei edizioni di “Scommettiamo che?”... Siccome stiamo parlando di cose impossibili, direi Maria. Ci sarebbe una bella alchimia: lei che parla così poco, così asciutta e io che sono un chiacchierone...».