Home TvFictionAl via le repliche di “Il commissario Montalbano” con Luca Zingaretti

Al via le repliche di “Il commissario Montalbano” con Luca Zingaretti

Da lunedì 30 marzo in prima serata su Raiuno inizia il consueto ciclo primaverile. E a maggio in libreria arriva il gran finale

Foto: Luca Zingaretti in "Il commissario Montalbano"

26 Marzo 2020 | 14:29 di Silvia Perazzino

Come da tradizione, "Il commissario Montalbano" è tornato in tv conquistando ben oltre 9 milioni di telespettatori a serata. Del resto, l’attesa era grande, come accade sempre quando si parla dell’amatissimo Salvo di Vigata.

E dopo i primi due episodi: "Salvo amato, Livia mia" e "La rete di protezione" che hanno segnato il debutto alla regia di Luca Zingaretti dopo la scomparsa dello storico regista della serie, Alberto Sironi, Raiuno ha deciso di regalare ai fan di Montalbano un’altra serie di appuntamenti in replica.

Si parte lunedì 30 marzo con "L’altro capo del filo". Ma le buone notizie per gli appassionati dei racconti tv tratti dalla felice penna di Andrea Camilleri non sono finite, perché un altro episodio inedito è già stato girato, anche se andrà in onda il prossimo anno. Stiamo parlando de "Il metodo Catalanotti", tratto da uno degli ultimi romanzi scritti da Camilleri. In questa nuova indagine Montalbano dovrà occuparsi di Carmelo Catalanotti, un grande appassionato di teatro che si diletta con la regia di piccoli drammi borghesi. Un uomo pieno di misteri, che porterà Salvo a incontrare un’affascinante collega della Polizia scientifica. E noi sappiamo quanto il commissario sia sensibile al fascino femminile...

E questo potrebbe non essere l’ultimo film tv con Montalbano. Già, perché ci sono ancora dei lavori di Camilleri non ancora trasposti per la televisione, compreso il gran finale, "Riccardino". Il romanzo, gelosamente custodito in un cassetto della casa editrice Sellerio, arriverà nelle librerie a fine maggio (salvo cambiamenti per l’emergenza Coronavirus). Camilleri lo scrisse 14 anni fa per regalare al suo celebre personaggio una degna uscita di scena, temendo che la vecchiaia non glielo avrebbe più permesso.