Home TvFiction«I Bastardi di Pizzofalcone»: Alessandro Gassmann e Carolina Crescentini su Rai1 dall’8 ottobre

«I Bastardi di Pizzofalcone»: Alessandro Gassmann e Carolina Crescentini su Rai1 dall’8 ottobre

A Capri, al Prix Italia, i due attori hanno presentato la seconda stagione della serie diretta da Alessandro D'Alatri e prodotta da Rai fiction e Clemart

Foto: Alessandro Gassmann e Carolina Crescentini ne «I Bastardi di Pizzofalcone»  - Credit: © Anna Camerlingo

26 Settembre 2018 | 17:32 di Stefania Zizzari

A Capri, all'interno della 70ª edizione del Prix Italia, è stata presentata la seconda stagione di «I Bastardi di Pizzofalcone», la serie diretta da Alessandro D'Alatri e prodotta da Rai fiction e Clemart, in onda su Raiuno a partire da lunedì 8 ottobre

Tratte dai romanzi di Maurizio de Giovanni (Einaudi), le sei puntate raccontano altrettanti casi gialli da risolvere, per il gruppo del commissariato di Pizzofalcone a Napoli. Un commissariato che è nuovamente operativo, dopo aver dimostrato sul campo di essere un'ottima squadra. «L'ispettore Lojacono» racconta Alessandro Gassmann che lo interpreta, «comincia ad apprezzare Napoli sempre di più. Nel corso delle puntate si evolvono i rapporti interpersonali soprattutto con Laura Piras e con la figlia Marinella. Di questo personaggio conosco tutto e comincio anzi ad assomigliarli un po'. Proprio come lui si ambienta poco a poco a Napoli, anch'io, avendoci trascorso sei mesi per la prima e altrettanti per la seconda serie, comincio a conoscerla bene. È una città che mi ha accolto e che amo». «Laura si è evoluta» spiega Carolina Crescentini che interpreta la Pm, «è sul campo e si affida sempre più alle sue intuizioni. Dal punto di vista sentimentale, ha una relazione segreta con Lojacono, ma lui non è bravo a conciliarla con il rapporto con sua figlia. Chiede tempo. Lei gliene dà, ma non è una che ama aspettare e rimanere in disparte. Ha un carattere “fumantino”». E ci si mette pure Buffardi (Matteo Martari), l'affascinante magistrato dell'antimafia, a complicare il tutto. Tornano poi gli altri della squadra: Alex (Simona Tabasco), Aragona (Antonio Folletto), Francesco Romano (Gennaro Silvestro), Pisanelli (Gianfelice Imparato), Ottavia (Tosca D'Aquino) e il commissario Palma (Massimiliano Palma).

«“I Bastardi di Pizzofalcone” appartiene ai patrimonio più ricco e prestigioso della serialità di Raifiction» dice Eleonora Andreatta direttore di Rai Fiction. «È un'opera con una qualità diffusa, nella scrittura, nella regia, nella recitazione, nella musica, nella confezione. E Maurizio de Giovanni ci porta dentro ai misteri di una città bella e carismatica. Napoli è un personaggio della storia. Usciamo dai luoghi comuni e raccontiamo una città vera, unica e inimitabile».

«È la mia prima serie televisiva» spiega il regista Alessandro D'Alatri. «Ho vissuto un anno a Napoli per sentire, respirare questa meravigliosa città. Sono soddisfatto del risultato. Dal punto di vista degli attori è stato fatto un lavoro incredibile, c'è un livello altissimo non solo nel cast ma anche per i protagonisti di puntata, per i quali abbiamo fatto 1300 provini».

La serie è nata dalla mente e dalla penna di Maurizio de Giovanni: «Sono fortunatissimo» dice. «Chiunque scriva desidera condividere le sue storie con il maggior numero di persone. E grazie alla serie televisiva, i Bastardi sono arrivati a un grandissimo pubblico. E Napoli, che è la mia città, non è mai fondale, ma protagonista: dice la sua».