Home TvFiction“Il commissario Montalbano – Gli arancini di Montalbano”: trama e cast

“Il commissario Montalbano – Gli arancini di Montalbano”: trama e cast

Il 23 settembre quarto appuntamento con il nuovo ciclo di repliche della fiction di Raiuno con Luca Zingaretti che si concluderà a fine ottobre

Foto: “Il commissario Montalbano - Gli arancini di Montalbano"

23 Settembre 2019 | 12:30 di Redazione Sorrisi

Il 23 settembre, in prima serata su Raiuno, quarto appuntamento con il nuovo ciclo di repliche (si concluderà a fine ottobre) della fiction con Luca Zingaretti tratta dai romanzi di Andrea Camilleri, il grande scrittore recentemente scomparso. Gli episodi che vengono riproposti vogliono essere un omaggio a Camilleri e al regista Alberto Sironi, anch'egli mancato la scorsa estate.

Il quarto episodio scelto è "Gli arancini di Montalbano", uno tra i primi film mandati in onda dalla Rai nell'autunno del 2002.

Cast

Regia: Alberto Sironi.

Attori: Luca Zingaretti, Katharina Bohm, Cesare Bocci, Peppino Mazzotta, Angelo Russo, Davide Lo Verde, Marco Cavallaro, Roberto Nobile, Carmela Gentile, Giovanni Guardiano, Marcello Perracchio, Isabel Sollman, Giacinto Ferro, Ciccio Sineri, Gigio Morra, Barbara Mautino

Trama

I corpi del commendator Pagnozzi e della sua giovane moglie vengono trovati senza vita nella loro auto finita in una scarpata. Tutto lascia pensare ad un normale incidente. Ma ci sono dei particolari che non tornano.

Per esempio: perché la donna ha le unghie delle mani spezzate?

Stefania è la seconda moglie del commendator Pagnozzi, costruttore edile colluso con la mafia. La donna, molto più giovane e assai attraente, lo ha sposato per i soldi. Erede delle fortune di Pagnozzi è il figlio Giacomo, un giovane nullafacente, gracile e pieno di odio per il padre, grande donnaiolo.

La villa dei Pagnozzi è stata svaligiata la sera stessa dell'incidente. I sospetti si dirigono subito sugli operai albanesi che lavorano nei cantieri di Pagnozzi e che stanno ristrutturando la villa. In casa di uno di loro, Ilir, viene trovato un pezzo della refurtiva.

Per il questore Bonetti Alderighi il caso è risolto. Gli albanesi hanno svaligiato la villa e poi hanno ucciso i coniugi Pagnozzi simulando l'incidente. Ma Montalbano ha capito che le cose non sono andate così. Su un'audiocassetta recapitata a Montalbano è incisa una telefonata nella quale Stefania si rivolge al figlio di Pagnozzi dicendo che l'indomani, liberatisi del padre, saranno finalmente liberi di amarsi.

Ma Pasquale, il figlio della donna delle pulizie di Montalbano, vero autore del furto nella villa, non riconosce in Giacomino l'uomo che ha visto trafficare con l'auto la sera dell'incidente. Se Giacomo non è colpevole, a chi si rivolgeva Stefania nella telefonata? Montalbano, sapendo dei legami di Pagnozzi con la cosca dei Sinagra, va a parlare con il vecchio don Balduccio. Così viene a sapere che trent'anni prima una cameriera dei Pagnozzi, una donna bellissima, era stata allontanata dalla moglie dell'ingegnere. La donna, incinta, aveva trovato lavoro presso un avvocato di Montelusa.

Montalbano ricostruisce il corso degli eventi.