Home TvFiction“Il commissario Montalbano – Tocco d’artista”: trama e cast

“Il commissario Montalbano – Tocco d’artista”: trama e cast

Il 15 settembre secondo appuntamento con il nuovo ciclo di repliche della fiction di Raiuno con Luca Zingaretti che si concluderà a fine ottobre

Foto: “Il commissario Montalbano - Tocco d'artista"

15 Settembre 2019 | 18:42 di Redazione Sorrisi

Il 15 settembre, in prima serata su Raiuno, secondo appuntamento con il nuovo ciclo di repliche (si concluderà a fine ottobre) della fiction con Luca Zingaretti tratta dai romanzi di Andrea Camilleri, il grande scrittore recentemente scomparso. Gli episodi che vengono riproposti vogliono essere un omaggio a Camilleri e al regista Alberto Sironi, anch'egli mancato la scorsa estate.

Il secondo episodio scelto è "Tocco d'artista", uno tra i primissimi film mandati in onda dalla Rai nell'ormai lontano 2001.

Cast

Regia: di Alberto Sironi.

Attori: Luca Zingaretti, Katharina Bohm, Cesare Bocci, Peppino Mazzotta, Angelo Russo, Davide Lo Verde, Roberto Nobile, Marcello Perracchio, Giovanni Guardiano, Isabel Sollman, Luigi Maria Burruano

Trama

All'alba una telefonata di Catarella sveglia il commissario Montalbano. Il famoso orafo Alberto Larussa è stato trovato morto sulla sedia a rotelle con il corpo completamente carbonizzato. Tutti gli indizi fanno pensare che si tratti di suicidio.
La stessa notte a Vigata un elettricista è stato ucciso a colpi di pistola. Ad indagare è il vice di Montalbano, Mimì Augello.

Montalbano, però, non è completamente convinto della tesi del suicidio ed ottiene dal giudice qualche giorno per approfondire le indagini. Perquisendo i piani superiori della villetta di Larussa, Montalbano trova delle vecchie foto strappate che ritraggono l'orefice quando non era ancora invalido, una pistola e un testamento con il quale Larussa lascia tutti i suoi beni al fratello Giacomo. La perizia calligrafica sul testamento rivela che la scrittura dell'orefice è stata contraffatta, gettando delle ombre su Giacomo, la cui posizione è aggravata da un testimone che ha notato la sua auto in prossimità della villa di Larussa la notte della morte di questi.

Giacomo, che solo di recente aveva ripreso i rapporti con il fratello, si dichiara innocente, ma viene arrestato. Nuove testimonianze sembrano inchiodare Giacomo che si difende asserendo di non aver avuto bisogno di contraffare il testamento del fratello perché, secondo le volontà del padre, alla morte di Alberto, tutti i beni che questi aveva ereditato dal padre sarebbero comunque passati a lui.

Così i conti per Montalbano continuano a non tornare: perchè Giacomo Larussa avrebbe dovuto falsificare il testamento, quando comunque l'erede naturale era lui?

E' l'incontro con il vecchio notaio di famiglia a rendere chiara a Montalbano la dinamica dei fatti: Alberto Larussa era paralizzato non per una caduta da cavallo ma in seguito ad un violento litigio avuto con il fratello Giacomo a causa di una donna, Emma Morpurgo. Il padre aveva creduto che Giacomo avesse volontariamente fatto del male al fratello e aveva deciso di punirlo lasciando tutti i suoi beni ad Alberto.

Ma il nome di Emma figura anche nell'agenda dell'elettricista ammazzato, uno strozzino, e dal confronto serrato fra i dati raccolti sui due casi si inizia a intravedere un’inaspettata e tragica verità.