Home TvFiction“Imma Tataranni – Sostituto procuratore”: trama, cast e personaggi

“Imma Tataranni – Sostituto procuratore”: trama, cast e personaggi

Vanessa Scalera è la protagonista della nuova fiction Rai, in onda in sei prime serate a partire dal 22 settembre su Rai1

Foto: Vanessa Scalera è Imma Tataranni

07 Ottobre 2019 | 16:55 di Cecilia Uzzo

Nella programmazione autunnale Rai, una delle novità è costituita da “Imma Tataranni - Sostituto procuatore", in onda in prima serata in sei puntate dal 22 settembre su Rai1. Dopo Montalbano e Rocco Schiavone, casa Rai accoglie una nuova serie investigativa, con protagonista una donna forte interpretata da Vanessa Scalera. Liberamente tratta dai romanzi di Mariolina Venezia (Premio Campiello) “Come piante tra i sassi”, “Maltempo” e “Rione Serra Venerdì” (editi da Einaudi), la serie in sei puntate è una coproduzione Rai Fiction - ITV Movie, per la regia di Francesco Amato.

La trama

Definita “scomoda come a volte la verità e ostinata come una pianta che cresce tra i sassi”, l’imprevedibile sostituto procuratore è una donna decisamente fuori dagli schermi: falcata decisa, abiti appariscenti e dotata di un fiuto infallibile, oltre che di una moralità granitica, Imma Tataranni è il ciclone della Procura di Matera. La città della Basilicata e tutta la regione, infatti, fanno da sfondo alla serie con i loro paesaggi mozzafiato. Protagonista della serie è Imma Tataranni – interpretata dall’attrice pugliese Vanessa Scalera, già diretta al cinema da registi come Marco Bellocchio e Nanni Moretti – sostituto procuratore dalla memoria prodigiosa, e dai modi ruvidi che la fanno temere e ammirare dai colleghi. Una donna apparentemente dura, come lo sono le persone che si sono fatte da sole e cui la vita non ha risparmiato niente. Oltre al lavoro, cui si dedica animo e corpo, Imma viene raccontata anche nella sua sfera privata, che comprende il rapporto con il marito Pietro, con la figlia adolescente, con la suocera e con la madre malata, che potrebbe rivelarle un dettaglio sconvolgente del suo passato.

Prima puntata - 22 settembre

Imma sta trascorrendo le sue vacanze a Metaponto quando vede galleggiare in mare un dito di donna mozzato che pre-senta dei tatuaggi. A distanza di pochi giorni, nei dintorni di Matera vengono rinvenuti un braccio e una gamba che l’anatomopatologo, il dottor Taccardi, afferma essere della stessa persona. Imma, nonostante sia in ferie, decide di tornare in Procura a Matera, dove conosce il nuovo Procuratore capo, il dottor Vitali, al quale chiede l’affidamento del caso.

Insieme al giovane appuntato dei Carabinieri Calogiuri, suo fidato scudiero, inizia la sua indagine. Appura subito che il dito visto in mare non è un oggetto di scena del film su Gesù che l’attore Sergio Covaser sta girando nella laguna di Metaponto. Scopre anche che una certa Nunzia, di Bernalda, ha perso il dito di una mano a seguito di un incidente domestico. Ma la donna non ha tatuaggi e di conseguenza sembra non aver nulla a che fare con quanto sta avvenendo in Basilicata e a cui la stampa sta dando risalto creando un clima di terrore. A questo si aggiunge l’arrivo in Procura di una lettera anonima in cui l’assassino sfida Imma in prima persona.

Mantenendo i nervi saldi e con l’aiuto di Calogiuri, Imma riesce a ricostruire l’identità della vittima. Si tratta di Aida, una giovane prostituta di origini marocchine che ha frequentato le serate estive or-ganizzate al Lido delle Sirene di Metaponto, lo stesso in cui Imma trascorre le vacanze estive con la famiglia. Ed è il suo gestore Vaccaro, prima di sparire nel nulla, a rivelarle che l’ulti-ma volta che ha visto Aida era in compagnia di Covaser. Inter-rogato, l’attore fornisce un alibi di ferro. Nel frattempo presso un’azienda agricola vengono ritrovate le parti mancanti della vittima, tutte esclusa una: il bacino.

Seconda puntata - 29 settembre

A Nova Siri, sul ciglio di una strada, viene trovato il cadavere di un ragazzo, Nunzio, figlio di un agricoltore in difficoltà economiche. Nella sua indagine Imma entrerà in contatto con i sogni e le delusioni di una generazione abbandonata a sé stessa, desiderosa solo andare via e che per riuscirci è pronta a tutto, anche a farsi coinvolgere nei loschi traffici delle ecomatie che vogliono interrate rifiuti tossici nei campi della Basilicata. Il ragazzo aveva problemi con la fidanzata e sognava di lavorare nel mondo della tv.

Terza puntata - 6 ottobre

In una gravina appena fuori Matera viene ritrovato il cadavere mummificato di Domenico Grieco, un noto architetto scomparso nel nulla quindici anni prima. lmma non è del tutto convinta si tratti di un incidente come molti credono, compreso il Procuratore capo. E con l’arrivo dei primi risultati investigativi l’intuizione di Imma che si tratti di omicidio si rafforza...

Quarta puntata - 13 ottobre

Donata, una giovane giornalista, si presenta da Imma (Vanessa Scalera) dicendo di essere in possesso di informazioni scottanti su uno dei candidati alla Presidenza della Regione Basilicata, di cui è stata amante. Imma le chiede di tornare con le prove, ma poco dopo Donata viene uccisa.

Il cast

Oltre ai principali protagonisti: Carlo De Ruggieri è il medico legale Taccardi, tanto sarcastico quanto preciso nel lavoro; Dora Romano è la suocera di Imma e la sua antitesi; Lucia Zotti è Brunella, la mamma di Imma affetta da demenza senile, che a volte nomina un certo Cenzino Latronico come padre della figlia; Antonio Gerardi è Don Mariano, prete schierato in prima linea contro la corruzione e le ingiustizie; Monica Dugo è Maria Moliterni, è la responsabile del Registro Generale (l’archivio della Procura) in quanto moglie del Prefetto è l’impunibile per eccellenza e insopportabile simbolo dei privilegi per Imma. A completare il cast ci sono anche Cesare Bocci nei panni di Saverio Romaniello; Giampaolo Morelli, Piegiorgio Bellocchio, David Coco, Giorgio Colangeli, Tony Laudadio; Giuseppe Zeno; Angela Curri; Michele De Virgilio; Francesco Foti; Nicola Rignanese; Paolo Sassanelli; Daphne Scoccia.