Home TvFictionLaura e Bea, alias Greta e Giorgia: sono le gemelle di «È arrivata la felicità»

Laura e Bea, alias Greta e Giorgia: sono le gemelle di «È arrivata la felicità»

Tanto simili nella vita quanto diverse nella fiction: le gemelle Greta e Giorgia Berti si raccontano

Foto: Greta e Giorgia Berti

01 Dicembre 2015 | 11:24 di Stefania Zizzari

Stessi lineamenti del viso. Stessa corporatura. Stessa voce. Stesse movenze. Stesso taglio di capelli. Stessa passione per lo sport. Stesso numero di scarpe. Insomma, Giorgia e Greta Berti, che in «È arrivata la felicità» interpretano Bea e Laura le figlie di Angelica (Claudia Pandolfi), sono due gemelle che più gemelle non si può. Identiche. Anzi no. A dividerle, 3 centimetri di altezza (per la cronaca, è più alta Giorgia), che su 177 centimetri sono ben poca cosa. E comunque, impossibili da percepire.
Ragazze, nella vita siete identiche ma nella fiction siete agli opposti.
Giorgia: «In effetti abbiamo fatto i provini per i ruoli invertiti: io per Laura e mia sorella per Bea. Poi ci hanno scambiato: si vede che funzioniamo meglio così».
Greta: «È curioso, perché tra le due forse è Giorgia quella un pizzico più dolce di carattere...e invece interpreta “la iena” Bea».
Quindi non somigliate ai vostri personaggi...
Giorgia: «Ad avercene tutti quegli spasimanti che ha Bea: magari!»
Greta: «Una cosa in comune c’è: anch’io sono sportiva come Laura».
Siete entrambe sportive?
Giorgia: «Sì, da sempre. Abbiamo fatto ginnastica artistica, tennis, atletica, beach volley. Il pattinaggio artistico agonistico ma poi abbiamo mollato perché non amiamo la competizione»
Greta: «Lo sport ci scarica parecchio, lo pratichiamo tutti i giorni».
Che scuola frequentate?
Giorgia: «L’ultimo anno del classico».
In classe insieme?
Greta: «Sì. Ma non allo stesso banco...».
Giorgia: «È dalla terza elementare che siamo a scuola insieme».
Mai scambiate alle interrogazioni?
Giorgia: «No, non ce n’è bisogno, andiamo tutte e due bene».
Greta: «E poi i professori ci “sgamerebbero” (se ne accorgerebbero ndr)».
E dopo il liceo?
Giorgia: «Io ancora non lo so».
Greta: «Io vorrei fare ingegneria meccanica all’università».
Stessi gusti anche in fatto di look?
Giorgia: «Sì. Abbiamo l’armadio in comune: a volte ci litighiamo una maglia o un pantalone. O addirittura le scarpe...»
Greta: «Forse io sono un po’ più femminile di Giorgia nell’abbigliamento».
Come è nata la vostra partecipazione a «È arrivata la felicità»?
Giorgia: «Da piccole abbiamo fatto delle pubblicità: io per una pizza surgelata, Greta per dei cornetti dietetici. Questo è il nostro primo ruolo vero».
Greta: «Ora stiamo studiando recitazione: frequentiamo un corso di teatro con Andrea Senneca, che nella fiction è Umberto, il figlio di Orlando. Nella serie ho un debole per lui...»
E a proposito di ragazzi?
Greta: «Non è mai successo che ci piacesse uno stesso ragazzo. Ora siamo entrambe fidanzate».
Greta: «A pensarci bene i nostri fidanzati hanno lo stesso carattere: sono tutti e due del segno della Vergine...» .