Home TvFictionChiara Francini e il bello di essere imperfette

Chiara Francini e il bello di essere imperfette

L'attrice interpreta Perla in «Non dirlo al mio capo 2». È una donna esuberante, che riesce a muoversi abilmente tra teatro, cinema, televisione e letteratura

Foto: Chiara Francini

20 Settembre 2018 | 17:00 di Antonella Silvestri

Chiara Francini è una donna esuberante, che riesce a muoversi abilmente tra teatro, cinema, televisione e letteratura. In queste settimane la vediamo nella seconda stagione della fiction di Raiuno «Non dirlo al mio capo» (in onda ogni giovedì in prima serata) al fianco di Vanessa Incontrada e Lino Guanciale.

• «Non dirlo al mio capo! 2», le trame delle dieci puntate

Il suo personaggio, Perla, ci riserverà qualche sorpresa particolare?
«Continuerà a essere una donna caustica, tagliente, vera. Al primo sguardo può sembrare troppo diretta, ma è solo sincera. Nonostante dia l’aria di essere poco affidabile, alla fine tutti corrono da lei per un consiglio perché è carica di umanità e di amore».

Sì, resta un peperino...
«Nessuno di noi è un santo. Mi piace molto questa figura. Perla porta le proprie ferite come fossero medaglie».

Nel suo temperamento trova qualche affinità o somiglianza con il personaggio che interpreta?
«Il fatto che Perla sia così meravigliosamente reale, così meravigliosamente ammaccata e imperfetta, la rende amabile perché è simile a me e a tante di noi».

Com’è stato ritrovare Vanessa Incontrada?
«Io e Vanessa siamo due ragazze di paese, genuine, e anche per questo c’era naturalezza nel recitare. Per me è stato un privilegio poter dare vita a personaggi così belli e farlo in un clima di divertimento e di amicizia. Dentro e fuori dal set si respirava energia positiva».

Lei ha debuttato come presentatrice in «Bla Bla Bla» con Lillo & Greg e poi ha condotto «Domenica in» con Pippo Baudo. Tornerà alla conduzione?
«Ho avuto il privilegio di stare accanto a Pippo che considero un vero gentiluomo. Non essendo una conduttrice pura cerco di sposare dei programmi che aggiungano qualcosa alla mia vita. Perciò se arrivasse la giusta occasione, perché no».

Ha in cantiere altri progetti?
«Sto promuovendo il mio secondo libro dal titolo Mia madre non lo deve sapere. Intanto sto già lavorando al mio terzo romanzo e poi ci sarà tanto cinema e tanta televisione».