Home TvFictionSimona Tabasco (Alex ne «I Bastardi di Pizzofalcone 2»): «Cerco di guadagnarmi un posto nel mondo»

Simona Tabasco (Alex ne «I Bastardi di Pizzofalcone 2»): «Cerco di guadagnarmi un posto nel mondo»

Riecco la poliziotta tosta in cerca d’indipendenza. Nella seconda stagione dei «Bastardi» dovrà decidere se farsi una vita con il medico legale Rosaria Martone (Serena Iansiti)

Foto: Simona Tabasco è Alex ne «I Bastardi di Pizzofalcone 2»

18 Ottobre 2018 | 17:24 di Alberto Anile

Riecco Alex Di Nardo, la poliziotta tosta in cerca d’indipendenza. Nella seconda stagione dei «Bastardi» dovrà decidere se farsi una vita con il medico legale Rosaria Martone (Serena Iansiti). Come ci spiega la sua interprete, Simona Tabasco.

• «I Bastardi di Pizzofalcone 2», le trame delle sei puntate

Alex e Rosaria andranno a vivere insieme?
«La vera evoluzione partirà dalla quarta puntata. Per ora Alex desidera godersi la libertà che si è guadagnata, mettendo alla prova l’amore per Rosaria».

Come ha risposto il pubblico al suo personaggio omosessuale?
«Non è la prima fiction a proporlo, ma mi hanno scritto molte ragazze che si sono riviste in Alex. Ho ricevuto lettere anche commoventi in cui mi dicono che ora avranno il coraggio di affrontare le proprie paure e i propri genitori».

Alex ha anche un debole per le armi. Lei?
«Mi piacciono e insieme ne ho paura. Quando mi hanno messo in mano una pistola per la prima volta ho provato una strana scossa. Vorrei iscrivermi a un poligono di tiro ma finora non ne ho avuto il tempo».

Sta già girando qualche altra fiction?
«No, le riprese sono finite a maggio e subito dopo sono andata a Londra per imparare l’inglese. Adesso seguo dei seminari di recitazione. Ma sono in una fase strana, ho 24 anni e devo capire meglio chi sono».

In questo momento chi è Simona Tabasco?
«Sono fra la donna e la ragazza. E sono una persona che sta cercando di guadagnarsi un posto nel mondo come tutti coloro che hanno un sogno».

Qual è il suo?
«Continuare a recitare. Mi piacerebbe tanto iniziare a fare teatro. Ma le libere professioni sono sempre instabili, e io sono ancora aperta a tutte le possibilità della vita».