Home TvFictionTerence Hill ci svela le nuove avventure di Don Matteo

Terence Hill ci svela le nuove avventure di Don Matteo

«Questa 11ª stagione è la migliore di sempre» assicura il protagonista. Che in un episodio addirittura... sparirà!

05 Gennaio 2018 | 15:19 di Tiziana Lupi

Don Matteo l’11 gennaio torna in tv, come anticipato dai divertenti spot che Raiuno sta trasmettendo già da alcune settimane. E con entusiasmo Terence Hill assicura: «Questa stagione è la migliore di sempre». L’attore sta aspettando la messa in onda dei primi episodi in Umbria, dove ha trascorso le festività natalizie. «Ho vissuto delle belle giornate insieme con la famiglia e gli amici» racconta Terence che, con padre originario di Amelia (in provincia di Terni) e madre di Dresda (in Germania), si è divertito a mescolare le tradizioni italiane con quelle tedesche. «È un’abitudine di famiglia. Fin da quando ero piccolo c’è sempre stata la sfida tra lo strudel e la crostata, tra le mele e le visciole» ricorda sorridendo.

Terence, perché «Don Matteo 11» è migliore delle dieci stagioni precedenti?
«C’è stata una svolta sia nel racconto sia nelle immagini. Mi sembra che i nuovi episodi abbiano più forza del solito, ce n’è perfino uno in cui don Matteo sparisce e non si trova più. Anche in Rai la pensano come me. E io, tra l’altro, mi affeziono sempre di più al mio personaggio. Dal punto di vista tecnico stavolta ci sono un ritmo maggiore, un’ottima regia, un eccezionale direttore della fotografia e una troupe fantastica. E poi ciascuno di noi ha cercato di fare meglio del solito. Ormai, dopo così tante puntate la sfida a migliorare sempre di più è inevitabile».

Anche i nuovi arrivi hanno contribuito a vincere questa sfida?
«Sicuramente. Maria Chiara Giannetta, per esempio, che interpreta il nuovo capitano dei Carabinieri, è bravissima. Il suo personaggio ha portato una certa umanità ed empatia in caserma, ma il maresciallo Cecchini (Nino Frassica, ndr) è in soggezione davanti a lei. E, dunque, anche la comicità di Nino, che è sempre più in forma, è diversa dal solito. Mi dispiace solo che con il nuovo capitano non avremo molte scene insieme».

Tutti gli attori che entrano a far parte del cast di «Don Matteo» rimangono piacevolmente sorpresi dalla sua disponibilità. Lei li accoglie con entusiasmo, li aiuta se sono in difficoltà. Anche lei, quando ha cominciato a recitare, ha avuto questo aiuto da parte dei colleghi già affermati?
«Non è mai successo! All’epoca non si usava, perché non si capiva che più è bravo l’attore che recita con te e più risulti bravo tu. Ancora oggi capita spesso che si inneschi un meccanismo di concorrenza tra due attori che lavorano insieme, ma è una cosa sbagliata. Tra me e Frassica, per esempio, c’è totale collaborazione: lui ha un istinto raro, spesso improvvisa sul set, e io gli vado dietro e lo sostengo».

Come sempre accade, «Don Matteo 11» non è ancora andato in onda e c’è già chi si chiede se ci sarà una stagione successiva.
«Vuole sapere se la farei? Sì. C’è un argomento che mi sta a cuore e che non abbiamo ancora affrontato nella fiction: il traffico di armi, un’industria di morte. Ho già in mente la scena, con un bambino che con la sua semplicità chiede a don Matteo: “Se le pistole uccidono, perché c’è chi le fabbrica?”».

È appena iniziato il nuovo anno. Fa un augurio ai lettori di Sorrisi?
«Che riescano a trovare la pace del cuore. Ora, però, non mi chieda come si fa!».

Il 2018 è anche l’anno dell’arrivo nelle sale del film «Me ne vado per un po’», da lei scritto, diretto, interpretato e prodotto.
«Un’altra bella sfida! A un certo punto ho sentito l’urgenza di fare questo film, e appena ho avuto un momento libero sono partito a testa bassa come un ariete, che poi è il mio segno zodiacale, e l’ho fatto. Racconta il viaggio di un uomo dall’Italia al deserto di Tabernas, nella provincia di Almeria, in Spagna. Uscirà a Pasqua».

All’inizio dell’anno si fanno sempre buoni propositi: lei ne ha qualcuno?
«Mi piacerebbe riuscire a fare il viaggio che l’estate scorsa è sfortunatamente saltato all’ultimo momento. Avevo prenotato tutto, volo e albergo, per andare a San Pietroburgo. La mattina della partenza ho passato otto ore in macchina sulla strada per l’aeroporto di Fiumicino, interrotta per gli incendi, e ho perso l’aereo».

Tra personaggi storici e nuovi ingressi, in canonica arriva anche Carlo Conti

I dvd delle prime cinque stagioni per rivivere grandi emozioni. Anche voi siete fan di «Don Matteo»? Dal 16 gennaio in edicola con Sorrisi troverete la collana di dvd con le prime cinque stagioni complete dedicate al vostro beniamino. La prima uscita sarà in edicola al prezzo lancio di 4,90 euro (rivista esclusa). Le uscite successive, al prezzo di 8,90 euro (rivista esclusa).