Home TvFilm“Artemis Fowl”: intervista a Josh Gad

“Artemis Fowl”: intervista a Josh Gad

L'attore americano ci ha raccontato tutto sulla genesi del suo personaggio, Bombarda Sterro

Foto: Da sinistra: Nonso Anozie, Lara McDonnell, Josh Gad e Ferdia Shaw in una scena di "Artemis Fowl"

16 Giugno 2020 | 8:00 di Giulia Ausani

Quello tra Josh Gad e la Disney è un sodalizio che va avanti ormai da anni. Oltre a prestare la voce a Olaf nella versione originale di “Frozen”, infatti, l’attore americano ha interpretato Le Tont nel remake de “La Bella e la Bestia”. E adesso è anche nel cast di “Artemis Fowl”, disponibile su Disney+

• “Artemis Fowl” su Disney+: trama, cast e trailer

Nel film, adattamento dell’omonimo romanzo per ragazzi di Eoin Colfer (il primo di una saga composta da otto volumi), Josh Gad interpreta Bombarda Sterro, nano clpetomane. I nani di Eoin Colfer sono molto particolari: sono esperti scavatori in grado di creare tunnel e gallerie grazie alla loro mandibola “sganciabile”, con cui divorano terra, fango e argilla a gran velocità. Con una devastante (e spassosissima) conseguenza: la terra ingerita viene poi rumorosamente espulsa da un’altra estremità, seminando distruzione. 

«Bombarda è un personaggio unico, diverso da qualunque altro ruolo abbia mai interpretato» ci ha detto Josh Gad. A offrirgli la parte è stato lo stesso regista, Kenneth Branagh, con cui aveva già lavorato in “Assassinio sull’Orient Express” nel 2017. «Per essere certo di essere la persona giusta per questo ruolo, mi sono messo a leggere i libri e sono subito stato catturato da questo mondo fantastico e dalla sua storia», che Eoin Colfer ha spesso descritto come “Die Hard” con le fate. 

Per dare vita a Bombarda, Gad e Branagh avevano in mente qualcuno di disonesto e moralmente ambiguo. «Volevamo creare un personaggio in stile Han Solo», ci ha raccontato. «Mi ha affascinato soprattutto il suo lato solitario: non appartiene veramente alla comunità dei nani e al mondo magico, ma neanche a quello umano. Pensa a se stesso, ma allo stesso tempo è possibile guadagnarsi la sua fiducia». 

Una peculiarità del personaggio, decisa autonomamente da Josh Gad e non suggerita dai libri, è il suo vocione rauco. «Adoro il fatto che Bombarda scavi gallerie a suon di mandibola, mangiando la terra», ha detto. «E volevo far risaltare questo dettaglio così spettacolare a livello vocale. Se mangi terra, ovviamente avrà un qualche effetto sulle tue corde vocali… Quindi l’idea di farlo parlare gutturalmente mi sembrava adatta». Certo, gli ha causato qualche problema: «Dovevo bere tè col miele tutti i giorni!», ci ha detto.

Quello di Bombarda Sterro è senza dubbio il personaggio più divertente in “Artemis Fowl”, la spalla comica. E Josh Gad ha dovuto improvvisare molto: «Anche se la sceneggiatura era molto buona, Ken [Branagh] ha voluto che improvvisassi», ha detto. «Quindi molti momenti del film, come alcuni dialoghi tra me e Judi Dench [che interpreta il comandante Tubero], sono improvvisati. Mi lasciavano a briglia sciolta, Ken mi ha davvero permesso di giocare». Una mossa vincente, che però durante le riprese ha causato qualche problema: «Purtroppo Judi Dench scoppiava spesso a ridere nel bel mezzo delle scene!».