“Cento giorni a Palermo”: cast, trama e trailer

Un film di denuncia sugli ultimi tre mesi di vita del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa

Cento giorni a Palermo  Credit: © Titanus
2 Settembre 2023 alle 12:03

Gli ultimi tre mesi di vita del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa: dall'incarico a Prefetto di Palermo fino al 3 settembre 1982, quando il generale e la moglie, Emanuela Setti Carraro, cadono sotto i colpi di un attentato mafioso. Li ricostruisce il film “Cento giorni a Palermo”, diretto da Giuseppe Ferrara, che porta la biografia del generale Dalla Chiesa sul terreno di un racconto teso e incalzante, capace, ove occorre, di commuovere. La denuncia delle collusioni tra mafia e politica non è solo un fatto di cronaca, è una tragedia morale che ci deve indignare e coinvolgere.

Trailer

Cast

  • Genere: Drammatico
  • Uscita: 1984
  • Nazionalità: Italia
  • Durata: 107'
  • Regista: Giuseppe Ferrara
  • Attori: Lino Ventura, Giuliana De Sio, Arnoldo Foà, Stefano Satta Flores, Adalberto Maria Merli, Lino Troisi, Andrea Aureli, Rosario Coniglione, Accursio Di Leo, Regis Englader, Giuseppe Lo Presti, Maria Lo Sardo, Luigi Nicolosi, Guido Sagliocca, Aldo Sarullo, Anita Zagaria

Trama

Palermo, aprile 1982. I cittadini del capoluogo siciliano attendono con fiducia e speranza l’arrivo del nuovo prefetto, nominato dal Ministro dell’Interno Virginio Rognoni (Arnoldo Foà): non si tratta di un dirigente degli apparati dello Stato, ma del generale dei Carabinieri Carlo Alberto dalla Chiesa (Lino Ventura), conosciuto in tutto il Paese per il decisivo contributo dato in passato alla lotta contro il banditismo siciliano e successivamente all’eversione rossa. Ad accompagnare a Palermo il Generale è la sua giovane seconda moglie Emanuela Setti Carraro (Giuliana De Sio), mentre ad aiutare dalla Chiesa nelle prime indagini c’è il capitano Fontana (Stefano Satta Flores). Palermo è stanca e impaurita per gli ultimi efferati omicidi eccellenti di Boris Giuliano, Piersanti Mattarella, Cesare Terranova, Gaetano Costa e Pio La Torre, quest’ultimo assassinato proprio il giorno dell’insediamento in Prefettura di dalla Chiesa. I palermitani vedono nel Generale la loro ultima speranza: speranza che, come reciterà poi una celebre scritta su un muro, morirà cento giorni dopo.

Seguici