Home TvFilm«Io che amo solo te», trama, trailer e curiosità

«Io che amo solo te», trama, trailer e curiosità

Diretto da Marco Ponti, il film è ispirato al romanzo di Luca Bianchini e vede protagonisti Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti

Foto: Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti in una scena del film «Io che amo solo te»  - Credit: © Claudio Iannone - 01 Distribution

26 Settembre 2018 | 17:01 di Redazione Sorrisi

«Io che amo solo te» racconta la storia dell’amore tra Chiara (Laura Chiatti) e Damiano (Riccardo Scamarcio), due giovani ragazzi di Polignano a Mare che decidono di sposarsi. I due sono anche figli di Don Mimì e Ninella, due ex amanti la cui storia d’amore è stata pregiudicata da un evento spiacevole.

Intorno ai protagonisti principali gravitano una serie di divertenti personaggi secondari, la coppia di zii del nord, interpretati da Luciana Littizzetto e Dino Abbrescia, un eccentrico parrucchiere, interpretato da Dario Bandiera, una fidanzata troppo sopra le righe, interpretata da Eva Riccobono, e una vicina di casa un po’ troppo impicciona.

Trama

«Io che amo solo te» racconta la storia di Ninella (Maria Pia Calzone), cinquant’anni e un grande amore, don Mimì (Michele Placido), con cui non si è potuta sposare. 
Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia Chiara (Laura Chiatti) si fidanza proprio con Damiano (Riccardo Scamarcio), il figlio dell’uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato di uno degli angoli più magici della Puglia.

È un film sulle gioie segrete, sull’arte di attendere e sulle paure dell’ultimo minuto. Tra ironia e commozione, un avventuroso viaggio sull’amore, che arriva – o ritorna – quando meno te lo aspetti, ti rimette in gioco e ti porta dove decide lui. Come il maestrale, che accompagna i tre giorni di questa storia, sullo sfondo di una Puglia dove regnano ancora antichi valori e tanta bellezza.


Trailer

Curiosità