Home TvFilm“La stagione della caccia – C’era una volta Vigata”: trama, cast e personaggi

“La stagione della caccia – C’era una volta Vigata”: trama, cast e personaggi

Tra gli antenati di Montalbano: Francesco Scianna ci racconta il film tv tratto dal romanzo di Camilleri e ambientato nella Vigata di fine ‘800

Foto: Francesco Scianna in "La stagione della caccia"

21 Febbraio 2019 | 12:49 di Barbara Mosconi

Di Francesco Scianna si dice che abbia un fascino antico. E lui stesso ammette, tra una risposta e l’altra, che il suo volto, dai lineamenti così marcati che sembrano scolpiti nell’ebano, ben si adatta a Fofò La Matina, il personaggio uscito dalla penna di Andrea Camilleri protagonista de «La stagione della caccia - C’era una volta Vigata», film tv in onda su Raiuno dopo gli straordinari ascolti dei due nuovi episodi del commissario Montalbano. Siamo sempre a Vigata, la stessa di Salvo, ma alla fine del 1800. Qui Fofò, farmacista di umili origini, si muove seguito da una scia di di sangue e di passioni.

Scianna, il suo Fofò è un tipo piuttosto misterioso.
«Non ho ancora visto il film finito e non ho idea di cosa sia venuto fuori. Ma il lavoro fatto è stato proprio quello di cercare la complessità di questa figura: devi percepire delle cose ma non le devi scoprire fino alla fine».

Perché la storia resta sempre un giallo.
«E di conseguenza la difficoltà è stata quella di “asciugare” il personaggio per non far percepire ciò che doveva muoverlo o accadeva dentro di lui».

Partiamo dall’inizio: perché Fofò torna a Vigata?
«Torna dopo anni motivato da un riscatto sociale. Da bambino ha subito un’umiliazione, oltre al trauma della perdita del padre. Ora è completamente diverso e ci tiene che la gente non lo riconosca, ha lottato tanto per diventare quello che è. Ha una sorta di complesso divino di superiorità, come dicesse: “Voi umani non potete capire”».

Una vena di follia non manca.
«Beh, analizzando i fatti sì, è fuori della ragione, anche se lui crede alle sue ragioni».

Folle d’amore?
«L’amore gli serve al raggiungimento di uno stato sociale. Fofò non è un personaggio lineare, in lui si toccano delle profondità spiazzanti».

Ha spiazzato pure lei?
«Confesso che ho avuto tre momenti di difficoltà. Il giorno prima di iniziare le riprese, completata la prima fase di studio, ho sentito una grande voragine. Poi muovermi a Marina di Ragusa, meravigliosa e deserta, mi faceva stare in contatto con la mia solitudine, una cosa che può anche spaventare. E infine c’è una scena chiave dove si tirano le somme di tutta la vita di Fofò che ha toccato delle corde dolorose».

Nella vita lei è uno che fa follie?
«Non sono uno tranquillo, non credo che avrei potuto fare questo mestiere se fossi completamente equilibrato».

Oltre che per la recitazione, per cosa si squilibra?
«Le cose più folli le faccio nei rapporti d’amore, allora tiro fuori la mia parte irrazionale. E qui la chiudo...».

Nel 1992, quando uscì il libro di Camilleri «La stagione della caccia», lei aveva 10 anni.
«Andavo a scuola, ero arrivato a Palermo da qualche anno, essendo nato a Bagheria. Studiavo, amavo gli animali, avevo canarini e cani».

Voleva già fare l’attore?
«No, ma vedevo film in maniera costante. Fu Charlie Chaplin ad aprire le porte dentro la mia immaginazione. Qualche anno dopo ho capito che volevo fare l’attore, interpretare personaggi ed emozionare il pubblico come io mi ero emozionato».

Il libro di Camilleri quando l’ha letto?
«Per interpretare questo ruolo: alcune cose del libro nel film non ci sono. L’ho letto per avere più materiale, come un esploratore che cerca elementi e suggestioni».

Che ci dice di Camilleri?
«Non l’ho mai incontrato se non leggendolo. La lingua di Camilleri è diversa dalla mia, è più del sud-est della Sicilia. Alcune parole della sceneggiatura non le capivo. Si può dire che Camilleri mi ha arricchito e mi ha fatto questo grande regalo».

Della Sicilia lei cosa si porta dentro?
«Alcuni lati del carattere, alcune modalità e alcuni valori come il rispetto. E delle forme di accoglienza e di galateo nei confronti delle persone: mi piace onorare la persona che incontro, farla star bene, che si senta importante».

Altre storie siciliane che le piacerebbe interpretare?
«In realtà ora vorrei staccarmi, è importante nel percorso di un attore separarsi dalle proprie origini, sento il bisogno di affrontare altro».

Vi manca Montalbano?

Il 26 febbraio in edicola con Sorrisi troverete “Un diario del ‘43”, il secondo episodio della nuova stagione di “Il commissario Montalbano”. A seguire la collana completa degli episodi. Ogni dvd € 9,90 (rivista esclusa).

La trama di "La stagione della caccia"

1880. L’Italia è unita da un pezzo, i Borbone non sono che un ricordo, ma a Vigata il blasone conta ancora molto. E i più nobili fra i nobili sono i Peluso di Torre Venerina. Ma questa ricchissima e potente famiglia comincia all’improvviso a essere decimata dai lutti. I Peluso muoiono uno dopo l’altro, come le prede di una battuta di caccia. E curiosamente l’inizio di questa inquietante e oscura mattanza coincide con l’arrivo a Vigata di un misterioso personaggio: Fofò La Matina, un giovane farmacista, figlio di un contadino che molti anni prima aveva lavorato come campiere proprio per i Peluso.

Poco tempo dopo il ritorno in paese di Fofò, figlio del defunto Santo La Matina, geloso custode dei segreti di piante miracolose, "camperi" del marchese Peluso, la famiglia Peluso viene sconvolta da una serie di morti che sembrano dovute a cause naturali o a accidentali disgrazie: muore il vecchio marchese Peluso che pur essendo ormai completamente svanito e quasi paralizzato, se ne va carponi ad affogare in mare; muore avvelenato dai funghi il tanto desiderato figlio maschio Rico, che il marchese era riuscito a procreare grazie all'arte farmaceutica del padre di Fofò; muore, fuori di senno, la marchesa Matilde; muore anche lo stesso marchese Peluso che era riuscito a divenire padre per la seconda volta, sia pure per vie "traverse", di un figlio maschio; muore, insieme alla moglie americana, lo zio Totò, che aveva fatto fortuna in America ed era ritornato a Vigata dopo lunga assenza; muore anche Nenè un cugino che aveva invano cercato di accasarsi con 'Ntontò, figlia del marchese. Che ne sarà di ‘Ntontò, sempre più sola in quel palazzo in cui non vi sono ormai che lutto e desolazione?

Il film tv si ispira all’omonimo romanzo di Andrea Camilleri pubblicato da Sellerio nel 1992. Lo scrittore disse di essersi ispirato alla “Inchiesta sulle condizioni sociali della Sicilia (1875-1876)” in cui un responsabile dell’ordine pubblico dell’epoca dichiarava che «un farmacista per amore ha ammazzato sette persone». La prima versione della sceneggiatura è stata firmata dalla stesso Camilleri. Scrive il regista Roan Johnson nelle sue note: «Uno dei tanti temi di questo film è la follia. Si potrebbe parlare per ore dei personaggi di Camilleri, sono così complessi, così poco semplificati che sfuggono perfino alle categorie di protagonista o antagonista».

Cast e personaggi