Home TvFilm«Le confessioni»: trama, cast, trailer

«Le confessioni»: trama, cast, trailer

Toni Servillo interpreta la figura chiave di un monaco nel thriller di Roberto Andò

Foto: Toni Servillo in una scena de "Le confessioni".  - Credit: © Rai Cinema

09 Giugno 2017 | 18:57 di Angelo De Marinis

Dopo Viva la libertà, il regista siciliano Roberto Andò dirige ancora Toni Servillo nel 2016 nel film Le confessioni. L'attore veste i panni del monaco Roberto Salus, ospite di riguardo a un importante summit di economia che si svolge in un albergo di lusso sulle rive del Mare del Nord. A invitarlo è il direttore del Fondo Monetario Internazionale, Daniel Roché che, in piena notte lo convoca per una strana confessione.

È l’inizio di un thriller in cui lui, uomo di fede si trova coinvolto appieno, come indiziato o come testimone, custode di segreti decisivi per il mondo dell'economia e della politica internazionale. 

Privi della guida di Rochè e davanti a questa inquietante presenza religiosa gli otto ministri diventano figure grigie, mediocri, uomini preda dei loro dubbi personali, spaesati, incapaci di prendere decisioni per i loro Paesi, prigionieri di un ruolo che non calza con la propria anima.

Il cast

Il film, che dura 108 minuti, ha un cast internazionale di cui elenchiamo solo alcuni nomi: Toni Servillo interpreta il monaco Roberto Salus, Daniel Auteuil è Daniel Roché, Pierfrancesco Favino, è il ministro italiano, Andy de la Tour è quello britannico, Stèphane Freiss è il ministro francese, Moritz Bleibtreu è la rockstar, Connie Nielsen è la scrittrice Claire Seth,  Richard Sattel è il ministro tedesco, Marie-Josée Croze è il ministro tedesco. La colonna sonora è di Nicola Piovani. Il film ha vinto il Nastro d'Argento 2016 per la miglior fotografia di Maurizio Calvesi.

La trama

I ministri economici delle 8 grandi potenze occidentali sono in attesa di riunirsi per prendere decisioni di importanza strategica per il futuro dei loro Paesi. 

Il summit è presieduto da Daniel Roché, direttore del Fondo monetario internazionale, che ha invitato anche tre personalità estranee al mondo dell’economia: una scrittrice di libri per bambini, una rock star e un monaco, Roberto Salus.

Di notte Roché convoca Salus e gli chiede di ascoltare la sua confessione.  Subito dopo viene trovato morto. I ministri sono spaventati e disorientati: non sanno se quella morte sia un suicidio o un omicidio, come comunicarla al pubblico e se si debba andare avanti con i lavori del summit. La scomparsa di Roché e la presenza del monaco suscitano in loro interrogativi nuovi e una crisi di identità. 

Il trailer