“Leo”, su Netflix il film animato doppiato da Edoardo Leo

Disponibile dal 21 novembre, vede protagonista una lucertola settantaquattrenne dal cuore d'oro

21 Novembre 2023 alle 08:02

Si puo' vedere su

Non è mai troppo tardi per prendere in mano la propria vita e iniziare a realizzare i propri sogni. È quello che fa Leo, una lucertola settantaquattrenne dal cuore d'oro, protagonista dell’omonimo film d’animazione doppiato nella versione italiana da Edoardo Leo, disponibile su Netflix dal 21 novembre.

«È stata un’esperienza straordinaria. La sfida più grande era trovare la voce di Leo, la sintesi tra quello che ha fatto Adam Sandler (doppiatore della versione originale, ndr) e il mio lavoro, e non potevo non farlo… si chiama come me!» ci confida Edoardo Leo.

La lucertola a cui da voce, da anni è intrappolata nella stessa classe di una scuola della Florida, ma quando scopre che gli resta solo un anno da vivere pianifica la fuga per provare l'ebbrezza della vita all'esterno e scappa dalla teca.

Qual è il suo rapporto con il tempo?
«Negli ultimi anni mi sono confrontato con vari film che hanno trattato il tema del tempo. Da Era ora a L’ordine del tempo, alla fine ti rendi conto che l’unica cosa che conta davvero è la percezione che hai tu. Lo stesso tempo può essere velocissimo o lentissimo in base a quello che vivi. Io ho sempre la sensazione che non mi bastino mai le ore che ho a disposizione in una giornata per fare le cose che faccio e credo che sarà sempre così».

In che momento si è ritrovato di più in Leo?
«Sicuramente nella scena con la vecchia supplente acida e cattiva, che ribalta ogni cliché. Questo incontro tra due anime in cui lui le ricorda che in fondo anche lei era una ragazzina molto simpatica, socievole e senza la corazza che si è costruita nel tempo, l’ho trovato sincero e interessante proprio dal punto di vista umano».

Seguici