Home TvFilm“Nessuno mi può giudicare”: cast, trama, trailer e perché vederlo

“Nessuno mi può giudicare”: cast, trama, trailer e perché vederlo

Paola Cortellesi è Alice, ricca snob e superficiale che finisce in rovina ed è costretta a fare la escort per saldare i debiti del marito

Foto: Una scena del film di Massimiliano Bruno  - Credit: © 01 Distribution

23 Luglio 2020 | 11:15 di Redazione Sorrisi

Dopo aver lavorato in qualità di sceneggiatore a film come "Notte prima degli esami", "Notte prima degli esami oggi", "Maschi contro femmine" e "Femmine contro maschi", per Massimiliano Bruno arriva il debutto in regia.

Il regista sceglie come protagonista Paola Cortellesi, attrice con cui ha già avuto modo di lavorare in teatro, e le affianca due personalità molto amate dalle donne: il bellissimo Raoul Bova e lo spassoso Rocco Papaleo.

Bruno costruisce intorno a questi personaggi una storia che mira a far sorridere, analizzando con un taglio ironico il fenomeno delle escort e indirizzando fin dalla scelta del titolo lo sguardo dello spettatore.

Cast

Genere: Commedia
Uscita: 2011
Durata: 95'
Regista: Massimiliano Bruno

Attori: Paola Cortellesi, Raoul Bova, Rocco Papaleo, Anna Foglietta, Caterina Guzzanti, Dario Cassini, Massimiliano Bruno, Giovanni Bruno, Hassani Shapi, Valerio Aprea, Lucia Ocone, Awa Ly, Pietro De Silva, Maurizio Lops, Massimiliano Delgado

Trama

Per molto tempo, Alice ha vissuto una splendida vita nella sua bella villa romana. Donna ricca e superficiale, moglie di un facoltoso imprenditore, madre di un ragazzino di nove anni, Alice ha sempre guardato il resto del mondo dall'alto della sua superiorità, ben convinta che niente e nessuno avrebbe mai potuto minare la sua condizione privilegiata. Ma quando suo marito perde la vita in un incidente stradale, scopre un'amara verità: l'uomo è pieno di debiti. Se Alice non salderà al più presto i conti in sospeso, perderà anche la custodia di suo figlio. Abbandonata la sua villa di lusso, si trasferisce nel malandato quartiere popolare del Quarticciolo, dove è costretta a fare la escort.

Trailer

Perché vederlo

Divertente commedia sentimentale sui generis, «Nessuno mi può giudicare» vuole raccontare la storia di tante donne escort senza esprimere messaggi né tantomeno giudizi etici o morali. Quello che interessa al regista è divertire il pubblico, presentando sul grande schermo un argomento scottante. Scene surreali, vicende sopra le righe, situazioni fuori dal comune, battute irriverenti sono al centro della vicenda narrativa che coinvolge tre diversi personaggi: c'è Alice (Paola Cortellesi) che dovrà mettere da parte il suo atteggiamento snob e imparare a gestire una serie di eccentrici clienti che sono tutti un programma; c'è Giulio (Raoul Bova), proprietario di un internet point dal cuore d'oro, ben lontano dallo stereotipo del borghese e sempre pronto alla battuta divertente e c'è Lionello Frustace, uno straordinario Rocco Papaleo, nei panni di un portinaio razzista e volgare, ma tutto sommato dall'animo buono. Se il cast non basta a convincervi, possiamo solo aggiungere che le risate sono assicurate e, nonostante manchi qualcosa nella storia o nella caratterizzazione psicologica di alcuni personaggi da cui ci si aspettava un po' di più, il film riesce a divertire quel tipo di pubblico che, proprio come il regista, ha solo voglia di distrarsi e nessuna pretesa di giudicare.