Home TvFilm«Non sposate le mie figlie!»: trama, trailer e perché vederlo

«Non sposate le mie figlie!»: trama, trailer e perché vederlo

Philippe de Chauveron dirige questa divertente commedia francese del 2014 divenuta un vero e proprio fenomeno cinematografico

30 Giugno 2017 | 15:35 di Giacomo Bernardi

«Non sposate le mie figlie!» è una commedia francese del 2014 diretta da Philippe de Chauveron. Il film è stato uno dei fenomeni cinematografici europei degli ultimi anni con un incasso che ha superato i 130 milioni di euro. La pellicola, piacevole ed arguta, affronta con ironia temi seri e attuali come l'immigrazione, il razzismo e l'identità nazionale, esibendo tabù e clichè di una società che fatica a stare al passo con i tempi. Nel cast, oltre ad una schiera di giovani e bravi attori, anche Christian Clavier e Chantal Lauby, che interpretano i genitori della famiglia protagonista. 

TRAMA

Claude e Marie Verneuil sono una coppia francese di vecchio stampo: patriottica, gollista e profondamente cattolica. Hanno quattro figlie, tre delle quali sposate rispettivamente con un ebreo, un orientale ed un arabo, di cui i coniugi francesi non hanno mai voluto conoscere le famiglie. I due sperano di poter finalmente celebrare, con la quarta figlia rimasta, un matrimonio cattolico e le loro preghiere vengono ben presto esaudite. C'è solo un piccolo problema: Charles, il futuro marito della figlia più piccola, ha evidenti origini ivoriane. Riuscirà l'amore a superare le barriere razziali?

TRAILER

PERCHÉ VEDERLO

«Non sposate le mie figlie!» ha ottenuto (in tutta Europa) un successo incredibile, oltre ogni previsione. Trattando un tema sociale attuale e fortemente dibattuto, il film riesce a mettere in luce le contraddizioni che caratterizzano parte della società francese, e non solo. Tra gag esilaranti e dialoghi scoppiettanti la storia scivola via veloce e ben presto si sconfigge il rischio della banalità che una trama del genere poteva presentare. Philippe de Chauveron dirige perfettamente la sua squadra di attori, tra i quali spicca Christian Clavier, il re delle espressioni facciali e delle reazioni mute. In questo film ne sfoggia alcune veramente uniche e divertenti.