“Rapiniamo il duce”: un’avventura nell’Italia del 1945

Parla Pietro Castellitto, la star del film di Netflix: «Il mio personaggio vuole derubare Mussolini!»

"Rapiniamo il Duce"  Credit: © Netflix
26 Ottobre 2022 alle 08:00

Si puo' vedere su

Per rubare il tesoro di Mussolini nell’Italia in guerra ci vuole coraggio. O incoscienza. Entrambe le qualità non mancano al protagonista del film di NetflixRapiniamo il Duce” e alla sua variopinta banda di uomini d’azione. Racconta Pietro Castellitto: «Il mio Isola è un ladro, ma ha una sua purezza. Rincorre il sogno di un futuro migliore per sé e per chi ama, come Yvonne, la sua ”fidanzata segreta”, interpretata da Matilda De Angelis. E poi Isola è ambizioso: quindi vuole rapinare il più potente di tutti».

Si sente il sapore di un classico film d’avventura…
«È un film di genere come quelli con cui siamo cresciuti: “Indiana Jones”, “E.T.”... e nel mio caso vorrei citare anche “Jumanji”, che conosco a memoria. Però questo film è ambientato in Italia, nella nostra Storia. Non snobba i cliché: li affronta e li rinnova».

C’è un cast di rilievo: Filippo Timi, Maccio Capatonda, Matilda De Angelis, Isabella Ferrari, Tommaso Ragno...
«Tutti incontrati per la prima volta sul set. Per fortuna il regista Renato De Maria ha saputo creare il clima giusto tra noi, di complicità e divertimento».

La scena più memorabile?
«Mi sono divertito molto a girare un assalto su una camionetta in corsa. Una scena molto fisica, mi hanno aiutato gli stuntman. Nei film di genere devi far progredire l’azione e la psicologia dei personaggi allo stesso tempo. È la cosa più difficile, ma è anche il loro bello!».

Seguici