Home TvFilm“Ritorno al futuro”, i tre film su Italia 1 il sabato sera

“Ritorno al futuro”, i tre film su Italia 1 il sabato sera

Il canale Mediaset dedica tre prime serate del sabato alla popolarissima saga. Ecco perché (ri)vederla

Foto: Michael J. Fox e Christopher Lloyd

25 Luglio 2019 | 16:56 di Valentino Maimone

Hanno ricevuto tantissimi premi (Oscar compreso) e ottenuto un successo planetario. E in questa calda estate Italia 1 (dal 27 luglio) ci permette di rigustarceli. Perché i tre film di "Ritorno al futuro" sono un’icona degli Anni 80 e nascondono tante curiosità.

• "Ritorno al futuro", 15 scene entrate nel mito

Marty McFly ha rischiato di non essere interpretato da Michael J. Fox, troppo impegnato nella sitcom "Casa Keaton". Gli autori si orientarono su Eric Stoltz, che imparò apposta a suonare la chitarra e ad andare sullo skateboard. Poi, Michael J. Fox si rese disponibile e gli fu affiancato Christopher Lloyd nel ruolo di Emmett L. “Doc” Brown.

• "Ritorno al futuro", quanto ne sai del film?

La casa di produzione Universal non era d’accordo con il titolo "Ritorno al futuro". Il primo episodio si sarebbe dovuto chiamare "Spaceman from Pluto". A chiudere ogni discussione intervenne il produttore Steven Spielberg: «È stato uno scherzo divertente, ci siamo fatti una grossa risata».

Il secondo e il terzo film della saga furono girati contemporaneamente, per consentire a Michael J. Fox di continuare a lavorare anche in "Casa Keaton" di giorno, riservando la notte alle riprese di Ritorno al futuro.

Il timidissimo papà di Marty, George McFly, lo era anche nella realtà. L’attore che lo interpreta, Crispin Glover, ha raccontato di aver girato diverse scene terrorizzato dall’emozione.

L’auto su cui Marty avrebbe viaggiato avanti e indietro nel tempo doveva essere futuristica. Dopo diverse valutazioni, venne scelta una DeLorean DMC-12 del 1982 per l’apertura delle portiere “ad ali di gabbiano” e la carrozzeria in acciaio inossidabile.

Nella sceneggiatura originale, Einstein, il fedele cane di Doc Brown, era in realtà uno scimpanzè.

La postura incurvata in avanti di Doc Brown fu studiata per rendere meno evidente la differenza di statura tra lui e Micheal J. Fox (circa 20 cm), quando erano nella stessa inquadratura.