Tanti auguri E.T. per i tuoi 40 anni!

In prima serata su Italia 1 c’è il capolavoro di Steven Spielberg che debuttò al cinema nel 1982

11 Giugno 2022 alle 08:24

Alzi la mano chi di voi non si è commosso davanti alla tenera amicizia fra un piccolo alieno e un ragazzino, per la prima volta vista al cinema in “E.T. L’extra-terrestre”, il capolavoro di Steven Spielberg uscito nelle sale americane l’11 giugno 1982 e che ha raggiunto un successo incredibile. Sì, avete letto bene: sono già passati 40 anni e Italia 1 per l’occasione ripropone il film sabato 11 giugno in prima serata.

Un appuntamento da non perdere per vivere una vicenda fatta di altruismo, affetto e condivisione quanto mai attuali. Il film narra il destino di un extraterrestre abbandonato sulla Terra che incontra il piccolo Elliott Taylor (Henry Thomas, all’epoca 11enne), un bambino californiano. Il quale farà di tutto per farlo tornare a casa tra mille difficoltà, a cominciare dal governo americano che vuole catturarlo. Al di là della storia, il film è pieno di tante curiosità: eccone qui alcune. Spielberg fu colpito dalla separazione dei genitori avvenuta nel 1966 e “colmò” il vuoto di compagnia con un alieno immaginario. Henry Thomas si aggiudicò il ruolo su oltre 300 concorrenti. Il provino era l’intenso saluto finale di Elliott a E.T. e le lacrime durante la scena commossero il regista: Henry stava pensando al suo cane scomparso da poco.

L’aspetto del pupazzo fu curato da Carlo Rambaldi (1925-2012) e gli fruttò l’Oscar per gli effetti speciali (uno dei quattro assegnati al film su nove nomination): il viso nacque dall’unione dei volti di Albert Einstein, Ernest Hemingway, Carl Sandburg, poeta americano, e di un... cane carlino. E infine, l’iconica scena in cui Elliott ed E.T. volano in bici sullo sfondo della luna fu una citazione di “Miracolo a Milano”, il film-fiaba del 1951 di Vittorio De Sica amato da Spielberg, dove i protagonisti erano a cavallo di una scopa.

Seguici