Home TvFilmUn «Quarto Grado» speciale per «Il Mostro di Cleveland»

Un «Quarto Grado» speciale per «Il Mostro di Cleveland»

Domenica 6 maggio su Rete4, un film per la tv e un documentario inedito della BBC introdotti da Gianluigi Nuzzi

Foto: Taryn Manning in una sce de "Il Mostro di Cleveland"  - Credit: © Mediaset

06 Maggio 2018 | 17:44 di Lorenzo Di Palma

Cinque anni fa, il 6 maggio 2013, un quartiere residenziale di Cleveland (Ohio) diventa il teatro di una delle più sconcertanti vicende di cronaca nera di questo scorcio di secolo: quella del “Mostro di Cleveland”. Nel quinto anniversario dei fatti, domenica 6 maggio, a partire dalla prima serata, Rete 4 ricorda la vicenda con un film e un documentario BBC inedito, introdotti da uno speciale “Quarto Grado” condotto da Gianluigi Nuzzi.

Il film il Mostro di Cleveland (Cleveland Abduction) diretto nel 2015 da Alex Kalymnios e interpretato da Taryn Manning, Raymond Cruz, Katie Sarife, Samantha Droke, Pam Grier, Joe Morton, ricostruisce la vicenda.

È lunedì sera: il lavapiatti Charles Ramsey tornando a casa sente delle urla provenire dalla casa dei vicini. Si avvicina e trova una donna che chiede di essere liberata: è Amanda Berry, 27 anni, scomparsa il 21 aprile 2003: con lei, la figlia di 6 anni. La polizia, al suo arrivo, trova anche altre due donne, entrambe imprigionate: Georgina DeJesus (23 anni) e Michelle Knight (32), svanite nel nulla nel 2002 e nel 2004.

Le tre fanno il nome di Ariel Castro, 52 anni, il quale - con la complicità di due fratelli - le ha rapite e tenute in ostaggio per 10 anni. Il processo, per 937 capi di imputazione, condanna il “Mostro di Cleveland” a più di 1.000 anni di carcere, ma dopo un solo mese di prigione l’uomo viene ritrovato impiccato in cella, vittima di un gioco erotico.

In seconda serata, invece si passa all’inedito Orrore a Cleveland (The Cleveland Captives: What Really Happened?), una produzione BBC che adotta una grafica 3D per illustrare l’ambiente dove le donne sono state trattenute e nascoste. Il documentario, oltre alle testimonianze delle protagoniste, delle loro famiglie e dei vicini di casa, dà il quadro completo di uno dei casi che più hanno sconvolto l’opinione pubblica mondiale.