Home TvGabriel Garko ha trovato l’amore sul set

Gabriel Garko ha trovato l’amore sul set

«Questo per me è stato un anno da incorniciare» spiega l’attore. «Non solo per i successi televisivi: tutto avrei pensato tranne di fidanzarmi. E dire che Adua all’inizio mi era pure antipatica!»

Foto: Gabriel Garko (43) e Adua Del Vesco (21)

22 Dicembre 2015 | 10:36 di Solange Savagnone

Gabriel Garko è una garanzia. Dove c’è lui, il pubblico impazzisce. In particolare quello femminile. Lo prova il fatto che anche quest’anno «L’onore e il rispetto 4» ha ottenuto grandi ascolti su Canale 5. «Il 2015 è stato bellissimo. Cosa voglio di più?» spiega Gabriel ridendo.

Perché dice che è stato fantastico?
«Per tutto. Anche a livello personale è stato un anno molto bello».

Quindi per cosa lo ricorderà?
«Per tutto e niente. Faccio una vita particolare. Quando stai sul set per sei mesi, una volta finite le riprese ti accorgi che nel frattempo il mondo intorno a te è cambiato, hanno aperto nuove strade, ci sono nuove pubblicità…».

Noi invece questo 2015 lo ricorderemo per lei ne «L’onore e il rispetto 4» in versione «Mission: Impossible»…
«È stato meraviglioso. E la prossima stagione non sarà da meno. L’altro giorno stavo girando una scena in cui, da dietro le sbarre di una cella, tiravo a me un tizio rompendo inavvertitamente le sbarre di legno. Una persona ha fatto una foto e con un fotomontaggio hanno messo la “S” di Superman sulla mia maglietta».

È vero che la quinta stagione sarà ancora più bella della quarta?
«Per me sarà la più bella in assoluto e inizierà in modo inaspettato. Ho finito le riprese il 10 dicembre e la vedremo in autunno. Uno dei segreti di questa fiction è di essere sempre diversa. Come il mio personaggio, che torna a essere cattivissimo. Ammazzo chiunque e non muoio mai. Mi piace quando Tonio Fortebracci è cattivo. Anche i fan mi preferiscono nei ruoli malvagi. Chissà perché» (ride).

Intanto a gennaio la vedremo in «Non è stato mio figlio» con Stefania Sandrelli nei panni di sua mamma.
«Interpreto il rampollo di una ricca famiglia borghese che si deve occupare dell’azienda dopo la morte del padre. Accusato ingiustamente, deve difendersi e combattere. Stefania Sandrelli è perfetta nel ruolo di mia madre: interpreta la “donna chioccia”, la mamma per eccellenza».

Nel cast c’è anche Adua del Vesco, la sua attuale fidanzata…

«Non amo parlare della mia vita privata, ma è su questo set che ci siamo conosciuti. E pensare che all’inizio mi era antipatica. Lei interpreta una ragazza che mi aiuterà in questa situazione complicata».

Progetti per il futuro?
«Farò più cinema e tornerò a teatro. Il mio esordio, da ragazzo, è stato in uno spettacolo di quattro ore con Luca Ronconi e Mariangela Melato, ma all’epoca ero un incosciente. Ora sono più consapevole e sono terrorizzato. Avrò una croce rossa sul petto e sarò preso di mira da tutti. Mi fa paura il palcoscenico. Il testo sarà difficile, ma amo il rapporto con il pubblico. Inizierò lo prove a settembre e la tournée subito dopo. Per il cinema ho diversi progetti, anche all’estero. Ma sono ancora “in scatola”. Ora voglio pensare alle vacanze: se trovo una casa vado a sciare altrimenti punto a caso il dito sul mappamondo».

Buoni propositi per il 2016?
«Vorrei imparare a godermi di più gli attimi che vivo. Viaggiando a una velocità esagerata non riesco a fermarmi. A volte non mi accorgo nemmeno di essere famoso. Sono gli altri a ricordarmelo, ed è una gioia scoprirlo perché ho fatto tanti sacrifici per arrivare dove sono».

Lei in cosa si reputa un numero uno?

«Amo le sfide, lottare, la competizione a 360°. Però non mi sento un numero uno. La gara non è finita e non ho ancora visto il traguardo».