Luca Argentero e Cristina Marino, un matrimonio solo per pochi intimi

Si sono sposati a Città della Pieve, vicino a Perugia. Il sindaco ci ha raccontato come è stato

Luca Argentero e Cristina Marino
17 Giugno 2021 alle 09:02

Luca Argentero e Cristina Marino sono diventati marito e moglie. L’attore e la modella e attrice, che si sono conosciuti nel 2017 sul set di “Vacanze ai Caraibi”, hanno detto “sì” sabato 5 giugno, alle 18, nel comune di Città della Pieve, in Umbria, all’insaputa di tutti, tranne che dei pochi invitati e del sindaco che li ha uniti in matrimonio.

La coppia, si sa, ha fatto della riservatezza il suo marchio di fabbrica. A marzo Cristina, in un video su Instagram, aveva annunciato le nozze senza specificare la data e avvertendo che della cerimonia non avrebbero condiviso molto: «Perché siamo discreti e ci piace che le cose private rimangano tali».

Stessa cosa ci aveva detto Luca nove mesi fa, durante l’intervista per la copertina dedicata a “Doc” (la serie torna in replica dal 24 giugno). Gli avevamo chiesto se stessero pensando al matrimonio, visto che da poco erano diventati genitori di Nina, e lui ci aveva risposto di sì: «Solo che Cristina prima è rimasta incinta, poi è arrivato il Covid. Ma appena sarà possibile, sicuramente ci sposeremo. È nei nostri piani già da un po’. Sarà comunque un matrimonio normale, niente di eclatante. È una questione di responsabilità civile, bisogna fare le cose bene, con calma, evitando assembramenti». E così è stato.

Il racconto del primo cittadino

Il sindaco di Città della Pieve, Fausto Risini, è orgoglioso di avere celebrato le loro nozze: «Con Luca ci conosciamo da tanti anni. Ha la residenza qui e un casale dove viene quando è libero. Ha accettato anche di fare un video per promuovere la città, che va in onda in questi giorni» ci spiega Risini. «Durante il lockdown, Luca mi ha confidato di volersi sposare proprio da noi. Ho tenuto il segreto perché voleva una cosa intima».

Ecco com’è andata: «Prima di celebrare il matrimonio, sono andato a casa loro per un aperitivo con gli ospiti. Saranno stati una trentina. L’unico famoso era Raz Degan, poi c’erano i parenti stretti e alcuni amici di Torino e di Milano. Abbiamo gustato una serie di prodotti locali: formaggi, salumi e i classici frittini, molto buoni. Il clima era bellissimo, erano tutti emozionati. Poi io e i due testimoni siamo andati in Comune, mentre la coppia ci ha raggiunti a bordo di un sidecar, che è passato nella piazza del paese, a traffico limitato durante i weekend, dove Luca e Cristina sono stati salutati dai cittadini. La cerimonia è stata semplice, ma molto bella e vissuta. Non hanno pianto, erano molto controllati e carini. Io l’ho tirata un po’ per le lunghe per non farla durare il solito quarto d’ora. Abbiamo parlato da buoni amici, cercando di sdrammatizzare il momento. La bimba non c’era e loro erano elegantissimi».

La sposa aveva infatti un abito bianco in pizzo macramè della collezione Giorgio Armani Privé, creato apposta per lei, mentre lo sposo aveva un abito classico tre pezzi blu di Giorgio Armani.

La dedica finale

Finita la cerimonia, gli sposi sono tornati nel loro casale per festeggiare con i pochissimi invitati. Ma ai fan hanno fatto un regalo. Prima di partire per la luna di miele a Positano, su Instagram hanno pubblicato la foto di un loro bacio al tramonto con il commento della sposa: «Ho immaginato molte volte questo giorno, sognavo una vera festa d’amore e neanche nei sogni più belli l’ho immaginata così. In un bosco, come nelle migliori favole, sotto gli occhi delle persone più intime, ci siamo promessi amore per sempre».

Seguici