Home TvNews e Anticipazioni«4 case», Paola Marella su Cielo da martedì 29 novembre

«4 case», Paola Marella su Cielo da martedì 29 novembre

L’immobiliarista conduce uno show in cui si sfidano quattro padroni di casa: «Con un’occhiata all’arredo capisco chi è il proprietario»

Foto: Paola Marella, agente immobiliare e icona di stile, debutta in «4 case»

29 Novembre 2016 | 18:09 di Solange Savagnone

Sulla falsariga di «4 ristoranti» è nato «4 case», inedito format nel quale a contendersi il titolo di casa migliore (per stile, funzionalità e atmosfera) sono quattro agguerritissimi proprietari. Ad arbitrare la gara è Paola Marella, laureata in Architettura, mediatrice immobiliare e, ovviamente, conduttrice tv. «Sono entusiasta. È stata un po’ una maratona, perché in 20 giorni abbiamo girato tre puntate, ma il risultato è pazzesco».

Ci spieghi meglio.
«Gli autori sono stati bravissimi a scegliere i concorrenti. Vedrete personaggi particolari, diversi tra loro e con appartamenti che rispecchiano le loro personalità. La componente psicologica qui è fortissima perché, essendo una gara, i giudizi negativi degli altri concorrenti vengono vissuti come un attacco personale. E infatti durante il tavolo finale, che è il momento in cui si palesano i voti miei e dei concorrenti, non si risparmiano frecciatine».
Arrivano a litigare?
«Non proprio. In realtà sono nate anche delle amicizie, perché dopo cinque giorni assieme i concorrenti stabiliscono rapporti profondi. Io, invece, non interagisco molto con loro per restare imparziale. In fondo sono sempre il giudice e posso ribaltare il risultato finale».
Qual è il premio per il vincitore?
«Si aggiudica un buono da mille euro da spendere nel circuito Airbnb (sito che permette di affittare case in tutto il mondo, ndr)».
Come avete selezionato i partecipanti?
«In fretta! Dal momento in cui si è deciso di fare il programma a quando abbiamo iniziato le riprese non è passato neanche un mese. Così per queste prime puntate abbiamo cercato solo su Milano. Se il format funzionerà, gireremo l’Italia, da Nord a Sud. Scommetto che ne vedremo delle belle».
Ma lei come fa a capire che tipo di personalità ha un padrone di casa?
«Per non offendere nessuno dico solo che già la scelta dei colori e del tipo di arredamento dice molto. Io non amo le case perfette e preconfezionate, magari arredate da un architetto. Le trovo fredde e asettiche. Preferisco quelle vissute, con un’anima, dove si sente il tocco personale di chi le abita. Il gusto è legato alla cultura di una persona, non a quanto può spendere».

I consigli di Paola per rinnovare la casa

Basta poco per trovare uno stile tutto nuovo:

1. «Almeno due volte l’anno eliminate tutte le cose inutili: oggetti, vestiti, documenti».

2. «Ogni tanto rinnovate il colore delle pareti. Giocate con le sfumature di una stessa tinta oppure con i colori a contrasto».

3. «È inutile rifare una camera intera. Basta apportare un piccolo cambiamento, che sia cambiare la carta da parati o le tende in camera da letto».

4. «Giocate con i libri. Sono belli da leggere ma anche per arredare: provate a usarli come base per un tavolino».