A “Report” si parla della crisi della Sanità Pubblica

In primo piano anche il mercato dell'arte, con le collezioni Agnelli e Berlusconi

Sigfrido Ranucci
15 Ottobre 2023 alle 12:42

Si concentrerà sul Servizio Sanitario Nazionale e sul mercato dell'arte, in particolare sulle collezioni di Giovanni Agnelli - al centro di una disputa ereditaria - e di Silvio Berlusconi, custodita in un hangar ad Arcore, la seconda puntata del nuovo ciclo di “Report”, in onda domenica 15 ottobre alle 20.55 su Rai3.

La prima inchiesta, firmata da Claudia di Pasquale, con la collaborazione di Goffredo De Pascale e Raffaella Notariale, si intitola "La stiamo perdendo": la sanità pubblica è a pezzi, i vecchi ospedali sono fatiscenti, quelli nuovi sono semivuoti, interi reparti vengono chiusi per mancanza di personale, mentre le liste d'attesa sono infinite. Il Pnrr potrà salvare il Sistema sanitario nazionale? Basterà potenziare la medicina territoriale con la costruzione di case di comunità per garantire ai cittadini il diritto alla salute sancito dalla nostra Costituzione?

La seconda inchiesta, invece, è "Compra l'arte e mettila da parte", di Manuele Bonaccorsi e Federico Marconi. Una lista di oltre 600 capolavori dell'arte moderna e contemporanea, da Monet a Picasso, da Bacon a Balthus, fino a Canova e Balla: è l'immenso patrimonio della collezione di Gianni Agnelli, finita al centro della disputa sull'eredità tra la figlia Margherita e i nipoti John, Lapo e Ginevra Elkann. Cosa ne sapeva il ministero dei Beni Culturali, che avrebbe il compito di sottoporre a tutela le opere d'arte più importanti? Secondo le informazioni raccolte da Report, molto poco. Alcune opere importantissime negli anni sono sparite nel nulla, sotto il naso delle soprintendenze.

L'ultimo reportage, infine, ancora con l'arte al centro, si intitola "La crosta", firmato da Luca Bertazzoni con la collaborazione di Marzia Amico. Secondo il sottosegretario alla cultura Vittorio Sgarbi, negli ultimi anni di vita Silvio Berlusconi avrebbe speso più di 20 milioni di euro in opere d’arte, molte delle quali acquistate telefonando direttamente ai centralini delle televisioni locali durante alcuni programmi di televendite. Report mostrerà in esclusiva le immagini della “quadreria del Presidente”.

Seguici