Home TvNews e AnticipazioniAl via il «Cartoons on the bay – Pulcinella Awards 2018»

Al via il «Cartoons on the bay – Pulcinella Awards 2018»

Si apre a Torino il festival internazionale della televisione per ragazzi e dell'animazione cross-mediale

12 Aprile 2018 | 16:54 di Stefania Zizzari

Dal 12 al 14 aprile il Museo nazionale del Risorgimento, Palazzo Carignano a Torino, ospita la 22ª edizione del «Cartoons on the bay - Pulcinella Awards».

Il festival internazionale della televisione per ragazzi e dell’animazione cross-mediale, promosso da Rai e organizzato da RaiCom, in collaborazione con la Film Commission Torino Piemonte, come ogni anno riunisce il mondo dell'animazione con una competizione internazionale che comprende quasi 500 produzioni provenienti da tutto il mondo.

Il filo conduttore di questa edizione è la musica e il rapporto che la lega al mondo dell'animazione e del cinema.

Tra le serie di animazione presentate al festival c'è «Max & Maestro», in cui il grande direttore d’orchestra Daniel Barenboim, o meglio il suo cartone animato, racconta la storia della musica classica al giovane Max, un ragazzino tutto rap e videogame, dotato di uno straordinario orecchio musicale. Ma Rai Ragazzi è un partner importante
anche della nuova serie Disney «Penny on M.A.R.S.», spin off di Alex & Co. E la protagonista Penny è una brillante studentessa di musica, naturalmente.

Ad aprire ufficialmente il «Cartoons on the bay 2018» è l'inaugurazione della mostra organizzata da Rai Com  «1938-2018 Ottant'anni dalle leggi razziali in Italia. Il mondo del fumetto e dell'animazione ricordano l'orrore dell'antisemitismo». Il luogo scelto per la mostra è il Museo del Carcere Le Nuove a Torino. Qui, quasi 160 opere di fumettisti famosi (dai disegnatori di Tex a Nathan Never, da Dylan Dog a quelli della Marvel) e quasi altrettante provenienti dalle scuole di fumetto di tutta Italia in un'esposizione che ha ricevuto il patrocinio di tutte le comunità ebraiche. «Questa mostra» dice Giulio Di Segni, vicepresidente dell'Unione comunità ebraiche italiane «non è solo un momento di ricordo di una pagina buia, quella delle leggi razziali in Italia: razzismo e antisemitismo sono ancora oggi sulle prime pagine dei giornali. Il fumetto è un modo attuale per raggiungere i giovani, che spesso non conoscono questa pagina avvenuta solo 80 anni fa».

«Non sono semplici disegni» dice Roberto Nepote, presidente di Rai Com «ma vere opere d'arte ed è impressionante che siano riunite in questo luogo così significativo. Dopo un periodo in cui la mostra sarà itinerante, saranno esposte in modo permanente nel museo Pitigliani a Roma».

In questa direzione va «La stella di Andra e Tati», primo cartone animato europeo sulla Shoah, prodotto da Rai Ragazzi e distribuito internazionalmente da Rai Com, che racconta la vera storia di Alessandra e Tatiana Bucci, entrambe miracolosamente sopravvissute ad Auschwitz.