Home TvNews e AnticipazioniBarbara d’Urso: «È proprio vero: sarò di nuovo la Dottoressa Giò»

Barbara d’Urso: «È proprio vero: sarò di nuovo la Dottoressa Giò»

La stella dei pomeriggi di Canale 5 ha in serbo una sorpresa: vestirà ancora i panni di un personaggio di culto

15 Dicembre 2016 | 09:30 di Federico Lusenti

Barbara d’Urso di nuovo in camice con lo stetoscopio al collo: la «Dottoressa Giò», icona della fiction Anni 90, potrebbe presto tornare in sala parto. La notizia rimbalza da tempo e Sorrisi ha voluto indagare fino in fondo. Andando direttamente alla fonte.

Barbara, è vero che torna in corsia?
«Posso confermarvi che dalla scorsa estate stiamo già lavorando alla nuova sceneggiatura. Sarà una “Dottoressa Giò” in chiave moderna, ispirata ai medici delle nuove serie americane».
Sono passati 18 anni dall’ultima messa in onda, come si spiega che la ginecologa Giorgia sia rimasta così tanto nel cuore del pubblico?
«Perché è il medico che tutti vorremmo trovare in ospedale. Anch’io sono rimasta stupita da questo affetto. Penso a quello che è successo lo scorso luglio: ho pubblicato sui social una foto di me vestita da “Dottoressa Giò”, stavo girando una gag che poi sarebbe andata in onda a “Domenica Live”».
E si è scatenato il finimondo...
«L’hanno ripresa tantissime testate su Internet, quotidiani e settimanali. È persino partita una raccolta firme per farla tornare in tv. Le mie fan mi hanno mandato una scatola con la tuta verde da chirurgo e lo stetoscopio».
Si ricorda come nacque questo personaggio?
«Se vi dico che c’entra Marzullo ci credete? Una sera ero ospite di Gigi per un’intervista. Il regista della fiction Filippo De Luigi era davanti alla tv e ha pensato: “È lei la mia dottoressa Giò”. È stato un ruolo che ho amato molto. Pensate che i parti che avete visto in tv erano tutti veri, le partorienti firmavano la liberatoria per far riprendere tutto, io feci un corso di sei mesi in sala operatoria per imparare a gestire la situazione».
Quali sono i tempi per rivederla in onda?
«A Mediaset l’idea piace moltissimo, resta solo da capire come incastrare le riprese con i ritmi serrati di “Pomeriggio Cinque” e “Domenica Live”».
Peraltro i suoi due programmi sono entrambi leader e stanno vivendo la stagione più fortunata di sempre. Ogni domenica surclassa la concorrenza di Pippo Baudo…
«I bilanci si fanno alla fine però è vero che “Domenica Live” è arrivata a fare numeri da prima serata toccando anche i 4 milioni di spettatori, quest’anno ha raggiunto il picco record di tutte le edizioni e di questo devo ringraziare sia Videonews sia il pubblico. Ma la stagione è ancora lunga, Pippo è il numero uno assoluto e sono certa che ci darà filo da torcere».
A proposito di prime serate, si era parlato per lei di un reality sulle coppie di ex, il format israeliano «The Extra Mile».
«La proposta c’è stata, ma a livello logistico era molto complicato per me: il set sarebbe stato all’estero e io avrei voluto essere là al fianco dei concorrenti. Per ora è rimasto tutto in sospeso, anche perché i progetti che sto valutando sono diversi».
Per caso c’è di mezzo anche Sanremo? Gira voce che condurrà una delle serate assieme a Carlo Conti.
«Con Carlo c’è affetto e stima reciproca, ma finché sono in onda sei giorni su sette la vedo dura. Per ora posso dire che Sanremo resta un mio sogno e prima o poi si realizzerà. Non ho fretta».
Ultimamente si sta togliendo molte soddisfazioni. È stata la prima ad avere Renzi e Berlusconi nello stesso studio alla vigilia del referendum. Perché i politici scelgono lei?
«Perché sanno di parlare alla “pancia” del Paese e forse anche perché li metto a loro agio: con Berlusconi abbiamo parlato anche dei suoi nipotini e con Renzi delle sue nonne che mi seguono sempre».
Ci spiega perché a «Domenica Live» a volte si presenta in pigiama e con il tacco 12?
«È la moda dello “sleepwear”, indossare i pigiami e le vestaglie anche fuori casa è una delle ultime tendenze sulle passerelle. Me ne faccio portatrice perché spero che dilaghi: finalmente una moda comoda!».
Con chi passerà le feste? È appena stata paparazzata con un modello argentino…
«(Ride, ndr) Tutti i miei amici mi vengono attribuiti uno alla volta come fidanzati, anche se quando usciamo a cena siamo in dieci! Le feste le passo con le persone a cui voglio bene e con la mia famiglia: sono felice così».