Home TvNews e AnticipazioniA «Che tempo che fa» Pippo Baudo e Carlo Verdone

07 Gennaio 2018 | 11:53

A «Che tempo che fa» Pippo Baudo e Carlo Verdone

Domenica 7 gennaio, tra gli ospiti di Fazio anche il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni

 di Lorenzo Di Palma

A «Che tempo che fa» Pippo Baudo e Carlo Verdone

Domenica 7 gennaio, tra gli ospiti di Fazio anche il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni

07 Gennaio 2018 | 11:53 di Lorenzo Di Palma

Riparte domenica 7 gennaio alle 20.35, su Rai1, dopo la pausa natalizia, il talk show condotto da Fabio Fazio, Che tempo che fa, con consueto “pieno” di ospiti: il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni, il grande Pippo Baudo e Carlo Verdone con Ilenia Pastorelli, protagonisti insieme del film Benedetta Follia in uscita nelle sale l’11 gennaio, di cui Verdone firma anche la sceneggiatura e la regia.

Per lo spazio dedicato alla musica ci saranno invece i Maneskin che, dopo il grande successo a XFactor e un disco di platino, si esibiranno in studio con Chosen, il loro primo brano inedito.

A seguire "Il Tavolo di Che tempo che fa" con la complicità di Fabio Volo, la comicità surreale di Nino Frassica, le domande impossibili di Gigi Marzullo, la simpatia di Orietta Berti e la partecipazione dell’esilarante Vincenzo Salemme.

Al tavolo rimarrà a chiacchierare con Fazio Carlo Verdone. Insieme a lui Violante Placido e Stefano Fresi, impegnati a teatro con l’adattamento de Sogno di una notte di mezza estate, Paolo Fox con l’immancabile “Oroscopo del 2018”, la cantante L’Aura alle prese con Il contrario dell’amore, il suo ultimo disco di inediti che è anche tour e libro, e Nek, al secolo Filippo Neviani, in partenza insieme a Max Pezzali e Francesco Renga per il tour nei principali teatri italiani nato dalla collaborazione al brano Duri da Battere. Infine, il campione Roland Fischnaller, pioniere e leggenda dello snowboard italiano.

Nel cast anche Luciana Littizzetto, che rilegge l’attualità con la sua ironia, e Filippa Lagerback.