Home TvNews e AnticipazioniChicago Med: le avventure dei medici sbarcano su Italia 1

Chicago Med: le avventure dei medici sbarcano su Italia 1

Dopo Chicago Fire e Chicago PD, è arrivato il momento di conoscere le intriganti storie dei medici e degli infermieri del Chicago Medical Center

Foto: Chicago Med

31 Luglio 2017 | 12:28 di Valentina Cesarini

Su Italia 1 arriva il secondo spin-off del mondo "Chicago": andrà in onda Chicago Med in chiaro a partire da martedì 1° agosto, in prima serata. Dopo le vicende avventurose dei pompieri del distretto 51 di Chicago Fire (ogni giovedì in prima serata con gli episodi della quarta stagione) e i poliziotti del distretto 21 di Chicago PD (ogni lunedì in prima serata con gli episodi della terza stagione), è arrivato il momento di conoscere le intriganti storie dei medici e degli infermieri dell’ospedale più grande della città, il Chicago Medical Center.

La storia ha inizio con l’inaugurazione del nuovo pronto soccorso traumatologico del Chicago Medical Center che viene interrotta dall’arrivo in emergenza di diversi pazienti rimasti vittime di un incidente ferroviario. Dick Wolf e Matt Olmstead firmano, insieme agli sceneggiatori Michael Brandt e Derek Haas, questo nuovo medical drama, che conferma il successo di un genere che appassiona da sempre il grande pubblico. Dick Wolf è famoso per aver ideato la storica catena seriale di “Law&Order”, il cult procedural più longevo della tv, ed è, inoltre, vincitore di due Emmy Awards e di un Grammy Award.

Attori di punta della serie sono Torrey DeVitto (“Pretty Little Liars”), Colin Donnell (“Arrow”), il candidato ai Golden Globe, Oliver Platt e la vincitrice di un Golden Globe S. Epatha Merkerson. Al debutto in America la serie ha superato ogni aspettativa: con oltre 8 milioni e mezzo di telespettatori è risultata la serie più vista della serata. Il continuo successo della serie ha portato al suo rinnovo per una seconda e terza stagione.

Entertainment Weekly ha approvato la serie: “Chicago Med ha un grosso potenziale: c’è così tanto spazio per giocare con questi personaggi e con le storie da raccontare”.