Home TvNews e AnticipazioniEuropei Under 21: la finale in diretta su Rai 2

Europei Under 21: la finale in diretta su Rai 2

Alla Dacia Arena di Udine l’ultima sfida tra Spagna e Germania  

Foto: Fabian Ruiz  - Credit: © Getty

30 Giugno 2019 | 14:58 di Lorenzo Di Palma

Si giocherà alla Dacia Arena di Udine, domenica 30 giugno, con inizio alle 21, Spagna -Germania, ultimo atto dei Campionati Europei di calcio Under 21. La finale sarà trasmessa in diretta su Rai2, a partire dalle 20.35 con la telecronaca di Luca De Capitani e Antonio Di Gennaro, interviste e contributi da bordo campo di Andrea Riscassi, con Monica Matano, Andrea Agostinelli e Tiziano Pieri in studio.

Due anni fa, a Poznan, finì 1-0 per la Germania. Anche allora era la finale del Campionato Europeo Under 21, a conferma del fatto che i migliori vivai del vecchio continente, in questo momento, sono quello tedesco e quello spagnolo.

Le due formazioni sono arrivate all'ultimo atto attraverso percorsi diversi: più accidentato quello della Rojita, sconfitta all'esordio dall'Italia (poi purtroppo incapace di ripetersi contro la Polonia nel match che, di fatto, è costato agli Azzurrini l'eliminazione e a Di Biagio la panchina) ma poi, con il passare dei giorni, sempre più a proprio agio, fino ai quattro squilli con i quali, in semifinale, ha demolito la Francia, più lineare quello tedesco.

I ragazzi terribili di Stephan Kuntz, che rispetto a due anni fa ha cambiato quasi completamente la squadra (del 2007 sono rimasti in quattro, Öztunali, Anton, Dahoud e Amiri), pur trascinati da Luca Waldschmidt, capocannoniere a quota 7 gol e unico giocatore nella storia degli Europei Under 21 a segno in tutte le partite disputate, dopo aver dominato il proprio girone hanno però sofferto in semifinale contro la talentuosa Romania di Puscas e del giovane Hagi, piegata solo a una manciata di secondi dal termine.

La sfida, dunque, sarà prevedibilmente tra la difesa spagnola e il micidiale attacco tedesco, il migliore del torneo, ma con il "napoletano" Fabian Ruiz variabile impazzita nel centrocampo iberico, in grado, con i suoi tagli e le sue verticalizzazioni, di creare problemi alla imponente ma macchinosa retroguardia dei bianchi di Germania.