Home TvNews e Anticipazioni«Fabbrica del Sorriso»: al via la 15ª edizione

«Fabbrica del Sorriso»: al via la 15ª edizione

Sulle reti Mediaset “i bambini prima di tutto”

Foto: Gerry Scotti a un evento della "Fabbrica del Sorriso"  - Credit: © SplashNews

10 Marzo 2018 | 19:04 di Daniele Ceccherini

Ritorna sulle Reti Mediaset, con due finestre televisive dall’11 al 25 marzo, e dal 14 al 28 ottobre, La Fabbrica del Sorriso la campagna sociale, arrivata alla 15° edizione, che vedrà tutti i maggiori programmi tv e le radio del gruppo impegnati nel sostenere la raccolta fondi. I volti più amati della tv, i maggiori programmi d’intrattenimento, d’informazione e i Tg delle tre Reti Mediaset (e le radio del Gruppo), dedicheranno numerosi spazi alla Fabbrica del Sorriso, con servizi sui progetti delle associazioni e approfondimenti, e ricordando ai telespettatori i canali attraverso i quali poter effettuare le loro donazioni.

I bambini, con i loro bisogni e i loro desideri, sono sempre stati al centro delle iniziative di Mediafriends e anche per tutto quest’anno, della Fabbrica del Sorriso, il grande obiettivo della raccolta fondi sarà quello di dare ai più piccoli, in Italia e nel mondo, una possibilità per uscire dalla povertà, dal disagio e dall’emarginazione.

Per questa ragione Mediafriends ha individuato quattro grandi progetti: “A regola d’arte”, un progetto ideato e promosso da Mediafriends in partnership con AS Rugby Milano, Song Onlus, Ciai Onlus e ActionAid, che si propone di favorire l’integrazione e la crescita sociale dei ragazzi che vivono nei quartieri disagiati delle città attraverso un’offerta formativa basata su rugby e musica;  i “Corridoi umanitari” della Comunità di Sant’Egidio che garantiscono, in modo sicuro e legale, l’ingresso e l’accoglienza in Italia di bambini e minori in fuga dalla guerra; e all’AMREF Africa Onlus, operativa anche in Kenia e a Nairobi, dove risiede il suo quartiere generale e dove gestisce un centro diurno i cui i ragazzi, provenienti dalla strada che hanno alle spalle una storia di violenza, possono ricevere un pasto, un’istruzione o seguire una formazione professionale.