Home TvNews e AnticipazioniLa programmazione tv per la giornata contro la violenza sulle donne

La programmazione tv per la giornata contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre i palinsesti televisivi celebrano l'evento mondiale per dire no alla violenza di genere

Foto: Milano - Giornata contro la violenza sulle donne  - Credit: © Splashnews

24 Novembre 2016 | 20:55 di Simone Gorla

Venerdì 25 novembre si celebra la "Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne". Per sostenere la campagna di sensibilizzazione contro la violenza di genere, Rai e Mediaset dedicano parte del loro palinsesto alla ricorrenza.
Ecco tutti gli appuntamenti in programma:

Rai

La Rai offrirà ampia copertura informativa, con servizi, interviste, approfondimenti in tutte le testate giornalistiche televisive e radiofoniche.

Su Rai1, “Unomattina” riserverà al tema vari approfondimenti così come farà “La vita in diretta”. Il racconto di una storia di amore violento e una riflessione sul tema della violenza sulle donne sarà al centro della trasmissione “Torto o ragione?” in onda alle 14.30. Sempre su Rai1, il settimanale del Tg1 “Tv7” dedicherà un suo approfondimento alla ricorrenza. Anche “Speciale Sottovoce” dedicherà al tema tutta la puntata ospitando in studio avvocati, scrittori e attori che porteranno le loro testimonianze.

Su Rai2 si occuperanno della Giornata sia “I Fatti vostri” che “Detto Fatto”. Su Rai3 spazi al tema nella trasmissione del pomeriggio “Geo” e in “Amore criminale” in onda in prima serata.

La riflessione sul tema attraversa anche il cinema: su Rai Movie alle 21.20 verrà proposto il film “Eden”, una storia di violenza ma anche di riscatto, vincitrice di tre premi a Seattle nel 2012.

Un palinsesto speciale è dedicato anche da RaiStoria. Alle 8.50 e alle 14 la professoressa Silvia Salvatici, ospite di “Il tempo e la Storia”, analizza i delitti a sfondo sessuale contro le donne. Casi che oggi vengono sempre più spesso denunciati, a differenza del passato.

Alle 18.30, la puntata di “Un mondo di donne” propone la storia di tre donne dai principi vicini a quelli di Lina Merlin, prima donna eletta in Senato e simbolo delle battaglie per la parità dei sessi nel lavoro. Shabnam Ramaswamy, di Calcutta, Georgina Orellano di Buenos Aires e Yolanda Dominguez di Madrid.

Alle 19 il filmato “Diciamo basta” ruota intorno al monologo di Alba Rohrwacher e vi trovano spazio le testimonianze di donne che si sono opposte alla violenza e che lottano per vedere riconosciuti i propri diritti sociali. Alle 19.10 “Una giornata particolare” con Dacia Maraini ci conduce alla scoperta di documenti sulla condizione della donna, per capire le diverse declinazioni della violenza: da quelle più subdole a quelle più esplicite.

Mediaset

LA5, rete tematica Mediaset dedicata al pubblico femminile, promuove una serie di iniziative a sostegno della Giornata. Il focus del palinsesto prevede la messa in onda dalle ore 17 a notte inoltrata di quattro film incentrati su storie di violenza e abusi e, al contempo, riscatto e rinascita, intervallati da una serie di cortometraggi a tema.

La campagna inizia con il film “Stalking - La storia di Casey”, seguito da “North Country - Storia di Josey” (ore 19, con Charlize Theron e Frances McDormand), “Bordertown” (ore 21.15, con Jennifer Lopez e Antonio Banderas) e “L’amore sbagliato” (ore 23.15). Alle 23 Michelle Hunziker e l’avvocato Giulia Bongiorno - fondatrici dell’associazione a tutela delle vittime di violenze “Doppia Difesa” - saranno intervistate da Elena Guarnieri.

Forum” propone poi due puntate dal titolo “Libere dalla violenza”: gli speciali sono previsti su Canale 5 alle ore 11 e su Retequattro alle ore 14 Barbara Palombelli ospita in studio due storie di donne vittime di abusi: una ragazza sedicenne che ha subito violenze dal fidanzato e una madre picchiata dal figlio.

Sempre su Retequattro, “Quarto Grado”, la trasmissione condotta da Gianluigi Nuzzi con Alessandra Viero, va in onda alle 21.15 con una puntata-evento proponendo storie di donne vittime di violenza. Sono casi che la redazione del settimanale della rete diretta da Sebastiano Lombardi segue abitualmente e che vengono riproposti per dare eco ad una campagna necessariamente sposata da tutti, singoli cittadini ed istituzioni.