Home TvNews e Anticipazioni“L’Anno che Verrà”: il Capodanno di Rai1 da Potenza

“L’Anno che Verrà”: il Capodanno di Rai1 da Potenza

Condotto in diretta da Amadeus e Teo Teocoli e con Renzo Arbore, Nek, Arisa, Edoardo Bennato, Tony Hadley, Noemi, Benji & Fede, Alex Britti, Valerio Scanu, Gazebo, Sandy Marton

Foto: Amadeus

21 Dicembre 2016 | 21:07 di Lorenzo Di Palma

Sarà condotto come l'anno scorso da Amadeus, ma con la partecipazione straordinaria di Teo Teocoli e, per la prima volta nella sua storia, da Potenza, ?L'Anno che Verrà? il Capodanno di Rai1 che, sabato 31 dicembre, subito dopo il messaggio del Presidente della Repubblica, accompagnerà il pubblico verso il nuovo anno dalla Piazza Mario Pagano, davanti allo storico Teatro Stabile della città.

Musica, comicità e spettacolo nelle oltre quattro della kermesse, saranno garantiti, oltre che all'eccezionale presenza di Renzo Arbore con l'Orchestra Italiana, da ospiti come: Nek, Arisa, Edoardo Bennato, Tony Hadley, Noemi, , Alex Britti, Valerio Scanu, Gazebo, Sandy Marton, la Cartoon Band dei Miwa e tanti altri.

Sul palcoscenico di Potenza, la ?città delle cento scale?, si esibiranno anche alcuni dei protagonisti dell'ultima edizione di ?Tale e Quale?, come Leonardo Fiaschi, Lorenza Mario, Antonio Mezzancella, Silvia Mezzanotte. E interverranno inoltre alcune giovani promesse della musica italiana provenienti dai ?Talent? di maggior successo televisivo tra i quali Ethan Lara, vincitore di Castrocaro 2016, Luca Tudisca, Claudia Megrè, Francis Alina Ascione e Vincenzo Capua. Sono poi previsti collegamenti con Matera, dove sarà presente Francesca Barra, oltre a una vetrina delle realtà musicali più interessanti della Basilicata, a partire dai Tarantolati di Tricarico.

Gli artisti saranno accompagnati da una grande orchestra di trenta elementi, diretta dal Maestro Stefano Palatresi, che suonerà dal vivo i più grandi successi del presente e del passato, e da un corpo di ballo di una trentina di componenti con la partecipazione di Samantha Togni e le coreografie di Marco Garofalo.