Home TvNews e AnticipazioniLe nuove serie in arrivo su National Geographic

Le nuove serie in arrivo su National Geographic

Tra le nuove produzioni c'è la terza stagione di Genius, che ripercorrerà la vita e la carriera di Aretha Franklin, ma anche una serie prodotta da Leonardo DiCaprio e una con protagonista Julianna Margulies

Foto: Aretha Franklin  - Credit: © Ufficio Stampa

19 Febbraio 2019 | 17:47 di Giulia Ausani

Sarà un 2019 ricco di novità per National Geographic (canale 403 di Sky), che ha annunciato alcune delle produzioni in arrivo nei prossimi mesi sul canale.

The Hot Zone

Durante l'estate verrà trasmessa The Hot Zone, con protagonista Julianna Margulies. La serie, basata su un best seller e ispirata a una storia vera, è un thriller scientifico che segue la dottoressa Nancy Jaax, scienziata dell’esercito americano, nel suo lavoro per evitare una possibile e letale epidemia di ebola. La serie è ambientata nel 1989, quando il virus ha colpito per la prima volta alcune scimmie in un laboratorio di Washington.

The Right Stuff

È Leonardo DiCaprio il produttore di The Right Stuff, le cui riprese partiranno durante l'estate. La serie e tratta dal best seller di Tom Wolfe sui primi passi della corsa americana per la conquista dello spazio, e racconta la storia del programma Mercury e dei sette astronauti che ne facevano parte. 

Genius: Aretha Franklin

In estate partiranno anche le riprese della terza stagione di Genius, questa volta incentrata su Aretha Franklin. La stagione della serie antologica ripercorrerà tutta la carriera dell'artista, considerata la più grande cantante dei nostri tempi. Gli episodi andranno in onda nel 2020.

Activate

Infine è stata annunciata per il prossimo inverno la messa in onda della serie di documentari Activate, che indaga le diverse cause delle povertà estrema in cui versa una grande parte della popolazione del pianeta. Tra i temi trattati ci saranno l’educazione delle giovani donne, l’approvvigionamento sostenibile, e i soccorsi in caso di disastri. La serie vede la partecipazione di attivisti celebri come Rachel Brosnahan, Hugh Jackman, Uzo Aduba, Usher e Pharrel Williams.