Home TvNews e Anticipazioni“L’importante è avere un piano”: sulla Rai il late show in musica di Bollani

“L’importante è avere un piano”: sulla Rai il late show in musica di Bollani

Sette puntate in seconda serata per fare buona musica, parlare di musica e soprattutto divertirsi con la musica

Foto: Stefano Bollani  - Credit: © SplashNews

09 Novembre 2016 | 19:58 di Lorenzo Di Palma

?L'importante è avere un piano?, poi se si ha qualcuno che lo sa suonare come Stefano Bollani è anche meglio. E la Rai li ha tutti e due e li propone in un nuovo ?Late Night Show? in onda dal 10 novembre, ogni giovedì, sulla prima rete Rai in seconda serata.

?L'importante è avere un piano? sarà un inedito viaggio nelle strade della musica live, con protagonisti da tutto mescolando generi, stili ed emozioni. ?Uno show, come quelli della tv in bianco e nero, con il pianoforte al centro della scena e tanti ospiti a chiacchierare, quelli con Lelio Luttazzi, Johnny Dorelli, Gorni Kramer, Armando Trovajoli, Enrico Simonetti?, ha detto Bollani alla presentazione della trasmissione, in cui si fa buona musica, si parla di musica e si gioca con la musica, tre azioni - fa notare il musicista - per le quali in inglese, to play, e in francese, jouer, c'è non a caso un solo verbo.

Quindi Bollani in ?L'importante è avere un piano? si divertirà con la musica e inviterà molti ospiti a fare lo stesso, all'insegna dell'improvvisazione, dell'imprevisto, della sorpresa e quindi dell'unicità. Accanto a lui e alla sua Resident Band formata da Jeff Ballard alla batteria e Gabriele Evangelista al contrabbasso, sul palco, ogni sera, un parterre diverso di ospiti, musicisti affermati e nuovi talenti pescati anche dal web, attori e personaggi dello spettacolo italiano e internazionale, pronti a mettersi in gioco. 

I protagonisti che interverranno improvvisando, suonando, cantando, recitando, giocando vanno da Renzo Arbore a Elio, da David Garrett a Andrew Bird, da Ornella Vanoni a Enrico Rava, e poi Francesco De Gregori e Fiorella Mannoia, Cameron Carpenter e The Vegetable Orchestra, Max Gazzè, Samuele Bersani, Daniele Silvestri, Vinicio Capossela, Claudio Santamaria e Valerio Mastandrea, Hamilton De Holanda, Michael Kiwanuka, Manu Katchè, Bandabardò, Juniorchestra di Santa Cecilia, Igudesman & Joo, Neri Marcorè, Lillo & Greg, Antonio Rezza, Chucho Valdes, Silvia Perez Cruz, Yamandu Costa, Irene Grandi, Carmen Consoli, La batteria, Jan Bang, il trio Daniele Sepe, Nico Gori e Bernardo Guerra, Chano Dominguez e Barbara Casini.

Una sorta di jam session dove passano artisti anche non necessariamente musicisti. ?Sarà un programma senza il bollino per appassionati o specialisti, che cercherà di intercettare una platea vasta che la Rete ci mette a disposizione - spiega Bollani -. Ho scelto personalmente ogni ospite sulla base di criteri artistici, certo, ma anche sentimentali. Per motivi diversi sono innamorato del modo di fare musica di ognuno di loro?.

Per la prima puntata sono attesi Francesco De Gregori, Fiorella Mannoia, Claudio Santamaria e l'organista Cameron Carpenter. E al termine di ogni puntata, un ?video della buonanotte? realizzato da Valentina Cenni, nelle vesti di Fata del Sonno.