Home TvNews e AnticipazioniMassimo Giletti lascia la Rai e approda a La7

Massimo Giletti lascia la Rai e approda a La7

Il conduttore saluta a malincuore la tv di Stato ed entra a far parte della scuderia di Urbano Cairo dove potrà rifare "L'Arena"

Foto: Massimo Giletti  - Credit: © Facebook

02 Agosto 2017 | 13:10 di Antonella Luppoli

Massimo Giletti lascia la Rai e va a La7. E' questa la notizia più succulenta del fiacco telemercato estivo. Dopo una serie di vicissitudini - che vi raccontiamo di seguito - il conduttore ha scelto di approdare nella scuderia di Urbano Cairo dove potrà rifare "L'Arena". «Sì, rifarò l'Arena. La mia Arena... Qualcuno sperava che non andasse più in onda perché, dicono, dava molto fastidio. Ma L'Arena è la mia creatura professionale, l'ho fatta nascere, l'ho modellata. Ho scelto La7 perché ho capito che era lì la strada per dare continuità a questa esperienza» ha detto in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera in cui ha ufficiliazzato il cambio di casacca.

Addio alla rai

Al centro della disputa tra Giletti e la Rai infatti c'era proprio l'agognato talk show domenicale. I vertici di Viale Mazzini hanno deciso infatti di non mandare più in onda la trasmissione, nonostante avesse un bacino di pubblico molto ampio (più o meno 4 milioni di telespettatori e il 21% di share). Al conduttore però erano state offerte 12 prime serate e alcuni reportage dall'estero. Giletti non avrebbe mai risposto a questa proposta che, col passare dei giorni, sarebbe scaduta. Così, proprio oggi è arrivata l'ufficialità del passaggio a La7. Che però era nell'aria da alcuni giorni. 

Si era infatti vociferato di un fronte di trattativa aperto sia con Cairo che con i vertici di Mediaset. Alla fine, Giletti ha scelto La7. Dove molto probabilmente non farà gli stessi ascolti di Rai1 e prenderà anche qualche euro in meno. «In questa storia, il criterio del denaro è all'ultimo posto. La mia è una scelta di libertà. Con mio padre ho avuto un rapporto tempestoso ma mi ha insegnato una cosa: mai abdicare alla dignità. Per me chiudere L'Arena sarebbe stato abdicare alla dignità. Fare altri programmi voleva dire comprare il mio silenzio. Con grande dolore, non ho potuto accettarlo» ha concluso. 

Intanto il direttore generale della Rai, Mario Orfeo, appresa la notizia nel corso dell'assemblea di Vigilanza Rai di ieri, ha fatto gli auguri e il suo in bocca al lupo al giornalista. Su Twitter oggi ha spiegato che ha chiuso L'Arena «perché come ho detto già cento volte pubblicamente non mi piace l'informazione urlata e spettacolarizzata». 

La7 è «una scelta di libertà»

Si era infatti vociferato di un fronte di trattativa aperto sia con Cairo che con i vertici di Mediaset. Alla fine, Giletti ha scelto La7. Dove molto probabilmente non farà gli stessi ascolti di Rai1 e prenderà anche qualche euro in meno. «In questa storia, il criterio del denaro è all'ultimo posto. La mia è una scelta di libertà. Con mio padre ho avuto un rapporto tempestoso ma mi ha insegnato una cosa: mai abdicare alla dignità. Per me chiudere L'Arena sarebbe stato abdicare alla dignità. Fare altri programmi voleva dire comprare il mio silenzio. Con grande dolore, non ho potuto accettarlo» ha concluso. 

Intanto il direttore generale della Rai, Mario Orfeo, appresa la notizia nel corso dell'assemblea di Vigilanza Rai di ieri, ha fatto gli auguri e il suo in bocca al lupo al giornalista. Su Twitter oggi ha spiegato che ha chiuso L'Arena «perché come ho detto già cento volte pubblicamente non mi piace l'informazione urlata e spettacolarizzata».