Home TvNews e Anticipazioni«Meraviglie» a Milano con Remo Girone e Roberto Bolle

«Meraviglie» a Milano con Remo Girone e Roberto Bolle

Alberto Angela tra le guglie del Duomo e poi in Abruzzo con Lino Guanciale

Foto: Alberto Angela sul Duomo di Milano  - Credit: © Pigi Cipelli

18 Gennaio 2020 | 17:17 di Lorenzo Di Palma

Per la terza puntata di Meraviglie, sabato 18 gennaio in prima serata su Rai1, Alberto Angela sarà tra le guglie del Duomo di Milano, simbolo dell’intera città, da dove partirà per un viaggio che parte dalla fine del 1300 ai giorni nostri, con un filo caratteristico: il marmo di Candoglia, il materiale con cui è stato edificato e che ancora oggi viene usato per il restauro. Remo Girone, nei panni di Gian Galeazzo Visconti, racconterà l’origine del Duomo, mentre Roberto Bolle parlerà del suo speciale rapporto con la città di Milano.

Il viaggio prosegue in Abruzzo, dove è soprattutto la Natura a mostrare le sue meraviglie. Alberto Angela viaggerà attraverso il Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, dove si innalza la vetta del Corno Grande. Qui sorge il Castello di Rocca Calascio, solitaria fortezza medievale che domina un paesaggio ancora incontaminato. Si andrà, poi, nella città romana di Alba Fucens, e poi nel Parco Nazionale della Majella, dove, in suggestivi eremi scavati nella roccia, visse in povertà il monaco benedettino che divenne Papa Celestino V e sarà interpretato da Alberto Santucci. Le caratteristiche di questa terra aspra e affascinante saranno illustrate da Lino Guanciale.

Si andrà, infine, a Catania, raccontando la storia e la bellezza di due grandi e ricchi edifici: il maestoso Monastero dei benedettini e il lussuoso Palazzo Biscari. Due gioielli del barocco, in cui la creatività artistica trova libero sfogo. Catania, come una città palcoscenico: dalle facciate delle chiese, dei palazzi, al taglio affascinante di ogni angolo di strada, da piazza Duomo a via Dei Crociferi, dove sembrano risuonare le melodie di Vincenzo Bellini. Il musicista sarà impersonato da Riccardo Maria Manera.