Home TvNews e AnticipazioniMorto Mario Marenco indimenticabile protagonista della tv di Arbore

Morto Mario Marenco indimenticabile protagonista della tv di Arbore

L’attore e umorista, che era anche architetto e designer si è spento a Roma a 85 anni

Foto: a scuola di satira Mario Marenco è il bambino Riccardino. «Facevamo la satira della tv degli Anni 80» spiega Arbore. «L’invasione dei quiz, i soldi regalati a pioggia e l’uso dei bambini in tv»

17 Marzo 2019 | 15:44 di Lorenzo Di Palma

È morto stamattina al Policlinico Gemelli di Roma all'età di 85 anni, l'attore, autore e umorista Mario Marenco, uno degli indimenticabili protagonisti della tv di Renzo Arbore, che ha annunciato la notizia della scomparsa.

Nato a Foggia come Arbore, nel 1933, era ricoverato da qualche tempo per complicazioni legate al suo stato di salute.

L'attore, che era anche architetto e designer, ha lavorato in radio e in tv con Renzo Arbore e Gianni Boncompagni già dai tempi di Alto Gradimento, partecipando poi a praticamente tutte le avventure televisive di Arbore, da L'altra domenica a Indietro tutta!

Tutti noi lo ricordiamo nei panni dei suoi esilaranti personaggi come il colonnello Buttiglione, la Sgarambona, il bimbo Riccardino, l'astronauta spagnolo Raimundo Navarro, il dottor Anemo Carlone, il professor Aristogitone, Verzo, Ida Lo Nigro, il poeta Marius Marenco e molti altri.

Ha partecipato a film come Il colonnello Buttiglione diventa generale, Il pap'occhio, I carabbinieri, Vigili e vigilesse, FF.SS cioè che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?.

Come autore, con la Rizzoli aveva pubblicato diversi libri umoristici tra cui Lo scarafo nella brodazza, Dal nostro inviato speciale, Los putanados, Stupefax e Il cuaderno delle poesie.

Marenco si era laureato in architettura nel 1957 all'Università di Napoli, ottenendo poi borse di ricerca a Stoccolma e Chicago. Nel 1960 aveva aperto un atelier di architettura e design, lo Studio Degw con sede a Roma, collaborando con le più importanti case automobilistiche italiane per la realizzazione dei loro stand espositivi.