Home TvNews e AnticipazioniPer Elio e Le Storie Tese “Non tutti i Mal vengono per nuocere”

Per Elio e Le Storie Tese “Non tutti i Mal vengono per nuocere”

Con la guida speciale di Mal dei Primitives, tre episodi in prima visione per raccontare gli esordi della band milanese

Foto: Elio e le Storie Tese  - Credit: © Sky

12 Gennaio 2016 | 23:19 di Lorenzo Di Palma

Elio e le Storie Tese saranno protagonisti su Sky Arte HD a partire da mercoledì 13 gennaio alle 21.10 con lo speciale Non tutti i Mal vengono per nuocere, un docu-film in tre episodi presentato da Paul Bradley Couling, più noto come Mal dei Primitives, che entrato in contatto con la band in occasione della prima apparizione pubblica di Elio nel 1980, ci guida con commozione e divertimento attraverso il making of dei primi tre album, Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu, Italyan, Rum Casusu Çikti ed Esco dal mio Corpo e ho molta paura, affiancato dalla modella Tatiana Barbashova.

Nel primo episodio - dedicato all'album del 1989, Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu, con pezzi storici come John Holmes a Cara Ti Amo, da Cassonetto Differenziato per il Frutto del Peccato a Cateto - in onda mercoledì 13, rare riprese risalenti al periodo in cui il gruppo riempiva i locali del sottobosco milanese e spezzoni live tratti dalla partecipazione all'Expo di Osaka e dal concerto di Bolzano del 1990.

Il secondo capitolo ripercorre il capolavoro della band, Italyan, Rum Casusu Çikti (in turco: "Si è scoperto che l'italiano era una spia greca?) impreziosito da diversi ospiti: Riccardo Fogli in Uomini col borsello, Enrico Ruggeri in Il vitello dai piedi di balsa, parodia delle canzoni da Zecchino d'Oro, Diego Abatantuono che introduce Supergiovane. Nell'episodio ci sono anche interviste a Luca Mangoni, autentico uomo immagine del gruppo e a Vittorio Cosma, il "cantafiabe", la cui voce sbuca tra i brani di quasi tutti gli album della band ed inoltre rare riprese live del 1992.

Il terzo appuntamento, in onda il 20 gennaio, è incentrato sull'album del 1993 Esco dal mio corpo e ho molta paura con le riprese della session di registrazione allo studio Regson di Milano, durante la quale gli Elii suonarono brani del loro repertorio storico che non avevano mai avuto una registrazione ufficiale. Anche questo album si avvale di collaborazioni importanti come quella di Riz Samaritano, Alex Baroni o Antonio Cripezzi dei Camaleonti e contiene brani unici, come la lunga Saga di Addolorato, Catalogna, Abbecedario e Cavo.