“Piatto Ricco”: il cooking game in cui si può bluffare

Su Tv8, con Alessandro Borghese dal 1° settembre

Piatto Ricco: Alessandro Borghese e Fennaro Esposito  Credit: © julehering
6 Agosto 2021 alle 15:42

Si chiama Piatto Ricco il nuovo cooking game show con chef Alessandro Borghese alla conduzione e Gennaro Esposito nei panni del giudice, al viasu TV8, dal 1° settembre, dal lunedì al venerdì, alle ore 19.30.

I tre concorrenti che animano ogni puntata, sono cuochi amatoriali provenienti da tutta Italia, uniti dalla passione per la cucina. In una competizione in cui si può bluffare (da qui il titolo “pokeristico”), è fondamentale tenere sempre i nervi saldi, avendo allo stesso tempo sempre consapevolezza delle proprie capacità. Dopo aver assaggiato i piatti degli avversari, i concorrenti possono decidere di auto-eliminarsi dal gioco accettando una buonuscita in denaro.

Ogni puntata si articola in due round, al termine del primo un concorrente lascia il gioco, mentre gli altri due si affrontano nel round finale in un vero proprio testa a testa. A Gennaro Esposito spetta il compito di assaggiare i piatti e decidere il peggiore di ogni round.

La contesa prende le mosse con l’assaggio. Al tavolo da gioco chef Alessandro Borghese invita il giudice e i concorrenti ad assaggiare tutti i piatti preparati con il fine di registrarne i commenti. Successivamente chef Borghese invita Gennaro Esposito a scrivere all’interno di una busta il nome del piatto peggiore. A quel punto Alessandro riassume gli indizi dati dal giudice e invita i concorrenti a fare il loro gioco.

Solo allora gli sfidanti avranno 20 secondi di tempo per premere il pulsante, decidendo così di autoeliminarsi, ma solo chi preme per primo potrà essere eliminato. Infine, chef Borghese svela se qualcuno ha premuto il bottone, e poi il nome del peggiore scelto dal giudice.  Chi decide di autoeliminarsi al termine del primo round vince 300 euro, mentre chi lo fa al termine del secondo ne porta a casa 500. Al vincitore di puntata va invece un premio di 1.000 euro.  

Seguici