Home TvNews e AnticipazioniA “Porta a Porta” parla il figlio di Totò Riina

A “Porta a Porta” parla il figlio di Totò Riina

La Rai risponde alle polemiche su Salvo Riina per la prima volta in tv, confermando l’appuntamento in seconda serata sulla prima rete con il programma di Bruno Vespa

Foto: Bruno Vespa conduce "Porta a Porta"  - Credit: © Rai

06 Aprile 2016 | 19:18 di Lorenzo Di Palma

Salvo Riina, figlio di Totò Riina, parla per la prima volta in televisione. Lo ha intervistato a Padova Bruno Vespa per la puntata di Porta a Porta che andrà in onda mercoledì 6 aprile, alle 23.15 su Rai1.

Riina ricorda i sedici anni accanto al padre latitante, l'immagine di Totò Riina dinanzi al televisore che trasmetteva le stragi di Capaci e via D'Amelio, i silenzi in una famiglia che sapeva e non parlava, ma si rifiuta di rispondere alle domande di Vespa su Falcone e Borsellino e non confermerà nessuna presa di distanza dai molti delitti del padre, nonostante i ripetuti inviti del giornalista.

L'intervista sarà commentata in studio da Antonio Emanuele Schifani, figlio di Rosario Schifani, agente di scorta di Giovanni Falcone morto nell'attentato di Capaci del maggio del '92; dal giornalista del Corriere della sera Felice Cavallaro, esperto di vicende di mafia; dall'avvocato Luigi Li Gotti, storico avvocato di celebri pentiti; e da Dario Riccobono, presidente dell'associazione Addiopizzo.

Ha invece rinunciato alla sua apparizione nella mezz'ora di anteprima, nel faccia a faccia con Bruno Vespa, Pierluigi Bersani proprio per protestare contro la presenza di Riina nella stessa trasmissione.       

Protesta che è solo la punta dell'iceberg delle polemiche preventive nate su questa puntata di Porta a Porta, che la Rai ha confermato con un comunicato ufficiale in cui ricorda che è ?una trasmissione che nessun italiano ha ancora visto. Si tratta in particolare di un'intervista nella quale Bruno Vespa incalza il figlio di Totò Riina, già condannato per mafia, senza fare sconti al suo rapporto di rispetto verso il padre nonostante gli atroci delitti commessi. Quello del figlio di Riina è un punto di vista sconcertante ma che si è ritenuto di portare a conoscenza dell'opinione pubblica perché sintomatico di una mentalità da ?famiglia mafiosa? che è compito della cronaca registrare?.

La Rai ha anche precisato che ?Per offrire un ulteriore punto di vista contrapposto a quello offerto dal figlio di Riina Porta a Porta ospiterà inoltre domani sera una puntata dedicata alla lotta contro la criminalità e a chi alle battaglie contro le mafie ha dedicato la propria esistenza anche a costo della vita. Tra gli altri saranno ospiti il ministro dell'Interno Angelino Alfano e il presidente dell'Autorità anticorruzione Raffaele Cantone?.

Ricordando, infine, che ?Solo attraverso l'informazione e la conoscenza, anche nei suoi aspetti più discutibili, un fenomeno così pervasivo potrà essere combattuto e sconfitto?.