Home TvNews e Anticipazioni«Prodigi – La musica è vita», Vanessa Incontrada per l’Unicef

«Prodigi – La musica è vita», Vanessa Incontrada per l’Unicef

Sabato 19 su Rai1, dodici giovanissimi artisti si esibiranno di fronte a Gino Paoli, Eleonora Abbagnato e Andrea Griminelli, in palio una borsa di studio

Foto: Prodigi, la musica è vita  - Credit: © Ufficio Stampa

15 Novembre 2016 | 15:50 di Manuela Puglisi

Prodigi ?" La musica è vita è una serata dedicata ai ragazzi, realizzata in collaborazione con UNICEF e Endemol Shine Italy, sarà condotta da Vanessa Incontrada su Rai1 alle 20.35. Dodici cantanti, musicisti e ballerini giovanissimi, tra i 7 e i 16 anni, si esibiranno di fronte a tre personaggi dal mondo dello spettacolo e dell'arte. Ad assistere alle loro esibizioni, oltre agli spettatori da casa, saranno infatti l'étoile dell'Opera di Parigi e direttrice del corpo di ballo dell'Opera di Roma Eleonora Abbagnato, il cantautore Gino Paoli e il flautista Andrea Griminelli.

Ad esprimere il proprio voto saranno, alla fine di ogni esibizione, giovani studenti appassionati di canto, danza classica e musica strumentale, decreteranno un vincitore per ogni categoria che avrà diritto a una borsa di studio.

Nel corso della serata interverranno anche diversi testimonial dell'UNICEF, da Lino Banfi a Fedez, passando per Elisa di Francisca e Noemi. Gli artisti racconteranno di come la danza e la musica hanno permesso ai bambini di tutto il mondo di sognare, da Haiti al Mozambico, dalla Bolivia alla Palestina. Sul palco si esibiranno anche Camille e Julie Berthollet, due sorelle che suonano rispettivamente violino e violoncello e violine e viola. Le due sono diventate famose in Francia dopo la vittoria di Camille nel corso della prima edizione assoluta di Prodiges. José André Montano, undicenne boliviano non vedente, suonerà al pianoforte La Gatta di Gino Paoli. Andiamo a conoscere i giovani talenti della serata, uno per uno.

Ballerini

Antonio Leone
13 anni, di Salerno
La passione di Antonio per la danza ha avuto la meglio sulle sue paure, oggi è in armonia con se stesso ogni volta che sale sul palco ed è felice solo con la danza.

Emma Mardegan
14 anni, di Mestre
Ha iniziato a danzare a soli 5 anni e oggi che frequenta il liceo di Castelfranco Veneto si sposta ogni giorno in treno e in bicicletta per prendere lezioni di danza. La sua ispirazione sono le ballerine Polina Semionova, Marianela Nuñez e Iana Salenko.

Francesco Mazza
16 anni, di Ercolano (Napoli)
Francesco balla da quando aveva 3 anni, ogni giorno dedica alla danza diverse ore, vorrebbe diventare Etoile dell'American Ballet e adora Roberto Bolle.

Martina Valentini
14 anni, di Roma
Martina ha fatto la sua prima lezione di danza a 3 anni e a 10 anni è entrata nel Balletto di Roma che frequenta ogni giorno insieme al liceo linguistico. Ballando riesce a vincere la propria timidezza e il suo idolo è Svetlana Zakharova.

Cantanti

Caterina Maria Sala
16 anni, di Como
Nata in una famiglia di musicisti, la madre è pianista e il padre tenore, dal 2006 si esibisce insieme ai fratelli, tutti studenti di canto lirico e musicisti, con la Famiglia Sala, gruppo vocale dal repertorio medievale, celtico e rinascimentale.

Ciro Marra
11 anni, di Volla (Napoli)
Ciro ha preso la passione per il canto dalla nonna che quand'era piccolo canticchiava canzoni della tradizione napoletana. I genitori, colpiti dalla potenza della sua voce, lo hanno iscritto a un'Accademia Musicale.

Giuseppe Colla
15 anni, di Marsala (Trapani)
A sei anni scopre la passione per il canto lirico, la musica è per lui al centro di tutto, prende lezioni di canto e i suoi miti sono Luciano Pavarotti e José Carreras.

Zaira Di Grazia
13 anni, di Misterbianco (Catania)
Zaira ha ereditato l'amore per il canto dal nonno, fin da quando aveva 4 anni studia e oggi frequenta una scuola a indirizzo musicale, il suo idolo è Mina.

Musicisti

Elia Cecino
15 anni, di Casale sul Sile (Treviso)
A 9 anni inizia a prendere lezioni di pianoforte e si appassiona presto a Rachmaninov, quando suona prova una sensazione di totale armonia con lo strumento.

Giuseppe Gibboni
15 anni, di Campagna (Salerno)
Nato da una famiglia di musicisti, la mamma suona il pianoforte e il papà il violino, e sin da piccolo è circondato da strumenti musicali. A 3 anni ha ricevuto il suo primo violino e da allora non ha mai smesso di usarlo. Il suo mito è Nicolò Paganini e il suo modello è suo padre.

Manuel e Gianni Burriesci
8 e 9 anni di Paceco (Trapani)
Due fratelli che hanno imparato ad amare la musica grazie al padre adottivo, insegnante di musica e violino. La musicoterapia ha aiutato Manuel a superare lo shock dell'abbandono e il fratello ha voluto seguirlo quando l'ha visto prendere in mano il violino.

Martina Tranzillo
14 anni, di Fisciano (Salerno)
Sono le sorelle maggiori, entrambe violiniste, ad avvicinare Martina al violoncello che ha iniziato a suonare a 8 anni. Il suo violoncellista preferito è Mstislav Rostropovi?.