Home TvNews e AnticipazioniSky Atlantic racconta l’Egitto

Sky Atlantic racconta l’Egitto

Domenica 30 settembre il docu-film: “Our Man In Cairo - Il Nostro Uomo Al Cairo”

Foto: “Our Man In Cairo - Il Nostro Uomo Al Cairo”  - Credit: © Sky

30 Settembre 2018 | 15:24 di Lorenzo Di Palma

La situazione politica dell’Egitto, tra limitazioni della libertà di stampa e violazioni dei diritti umani, è al centro del docu-film, “Our Man In Cairo - Il Nostro Uomo Al Cairo”, in onda domenica 30 settembre alle 21.15 su Sky Atlantic, che parte dall'assassinio di Giulio Regeni, giovane ricercatore dell’Università di Cambridge al Cairo.

Infatti da quando Abdel-Fattah al-Sisi è salito al potere nel 2013, in Egitto arresti, torture e sparizioni forzate hanno raggiunto livelli senza precedenti. E il film mostra come l'Egitto di oggi sia uno Stato molto più duro in cui vivere, rispetto al periodo che ha preceduto la rivoluzione del 2011.

Al- Sisi governa seguendo il principio secondo cui le nuove insurrezioni possono essere evitate solo con l'uso del potere e della repressione. I numeri sono preoccupanti: secondo varie organizzazioni per i diritti umani, almeno 60mila persone sono state arrestate per accuse politiche e oltre 15mila civili hanno subito processi militari, tra cui 150 bambini. Inoltre, almeno 323 persone sono morte in custodia nelle prigioni egiziane dal 2013.

Il film esplora inoltre come gli interessi strategici ed economici stiano spingendo l'Ue e gli Usa a chiudere gli occhi sugli abusi dei diritti umani e considerare Al Sisi un partner indispensabile.

Nel doc sono presenti testimonianze reali di attivisti per i diritti umani, che sono stati detenuti nelle prigioni egiziane, hanno subito violazioni dei diritti umani e torture durante la loro detenzione e sono stati in seguito costretti all’esilio.

Giornalisti occidentali ed egiziani racconteranno quanto sia diventato pericoloso documentare le violazioni dei diritti umani in Egitto, dove almeno 500 news online sono state censurate dal 2013 e dove 33 persone, tra blogger e giornalisti, sono attualmente detenute in prigione.